30 settembre 2009

CRONACA DI UNA MORTE ANNUNCIATA !

Ci siamo ragazzi la scena si ripete ripartono le lettere di licenziamento collettivo da parte delle Cooperative con lo scopo di ricattare il Ministero e spingerci ad andare a Roma a lottare per I RIFINANZIAMENTI. Parte in pole- position la Team Service sud che anticipando tutti, ieri (29-09-09) avvisa i Sindacati e il Ministero di essere in procinto di avviare i licenziamenti collettivi in tutta Italia degli ex lsu in servizio nella scuola. Ormai cari colleghi questo appalto è diventato una telenovela, sembra di stare a BEAUTIFUL sempre gli stessi attori, sempre lo stesso regista e noi la sullo sfondo che facciamo parte solo della scenografia. E noi ci andremo a
ROMA il 23 OTTOBRE 2009
ma non per chiedere il rifinanziamento dell’ appalto ma per gridare in faccia ai signori del Ministero che siamo stufi di questa farsa , siamo stufi di essere ricattati da questi signori , stufi di essere trattati come pezze da piedi, GRIDEREMO FORTE L’ASSUNZIONE ATA DEGLI ex LSU, l’unica cosa sensata possibile che il governo in un clima di crisi internazionale possa fare, nella certezza e nella consapevolezza che la nostra assunzione diretta con il MIUR produrrebbe un risparmio, come abbiamo ormai detto tantissime volte, di ben 85 milioni di euro oppure garantirebbe l'assunzione a 4500 precari ATA. Una volta tanto lotteremo per noi stessi!

136 commenti:

  1. cari compagni.... l'italia non cambierà mai... i politici dicono che sono gente per bene o qualche dubbio , se hanno la volonta di cambiare le cose lo possono pure fare ma credo che ci sono persone che impediscono la nostra stabillizazione... diffidate dei sindacati e dei consorsi ,non butteranno mai a mare chi li da da mangiare preferiscono buttare a mare le famiglie...ma nn toccheranno mai i consorsi...sono collegati politicamente....e sono capitalisti...

    RispondiElimina
  2. Cari colleghi,confermo quanto detto da maurizio sulle lettere di licenziamento collettivo a tutti i dipendenti exlsu della Taem service sud,notizie da me verificate e accertate,dico solo di gridare a tutti di assumerci come personale ata e non di far ingrassare ancora le coop...........gridiamolo tutti insieme a roma il 23 ottobre,in occasione dello sciopero nazionale.

    RispondiElimina
  3. BUONASERA A TUTTI I COLLEGHI, PURTROPPO ANCHE DA NOI SONO ARRIVATE LE LETTERE PER CUI ORGANIZZIAMOCI E PUNTIAMO SULL'ASSUNZIONE ATA FUORI DALLE PALLE LE COOP.

    RispondiElimina
  4. ma fino al 31 dicembre 2009 non eravamo coperti? pare che avevano rifinanziato per tutto il 2009.

    RispondiElimina
  5. Si collega fino al 2009 siamo coperti ma i licenziamenti scattano da dopo dicembre.Da
    dove commenti? Se magari indicate le ditte per cui lavorate e ci riferite se avete o non avete ricevuto le lettere di licenziamento, avremo un quadro più chiaro?

    RispondiElimina
  6. a quanto pare ci siamo di nuovo..... sicuramente l'incontro tra consorzi e cns non ha avuto esiti positivi, visto che la loro decisione e'stata quella di inviare a tutti i lavoratori le lettere per la mobilita' sin dal 1 gennaio se non garantiranno i finanziamenti. la maggior parte delle scuole non vuole piu' le ditte. che fine faremmo? sardegna

    RispondiElimina
  7. SCUSATE QUALCUNO PUO POSTARE SUL BLOG LA LETTERA CHE HA RICEVUTO DALLA DITTA? CIAO (GIANCARLO)

    RispondiElimina
  8. le lettere non credo che sono già arrivate hai lavoratori hanno avvertito solo i sindacati nel caso non faranno i rifinanziamento cosa che non credo capite a me le lettere partiranno a dicembre quidi giancarlo non credo che i colleghi siano in posesso delle lettere ti ricordi un anno fa? la musica e la stessa.

    RispondiElimina
  9. per maurizio e mimmo secondo voi come si muoveranno gli rdb per il licenziamento collettivo? chiederanno PER ORA il rifinanziamento?

    RispondiElimina
  10. Collega se la tua vuole essere una provocazione è fuori luogo, poi sul post CRONACA DI UNA MORTE ANNUNCIATA c'è già scritto come ci comporteremo e c'è scritto pure che RdB , prima ancora che partissero le comunicazioni aveva già proclamato uno sciopero il 23 ottobre, perchè si sapeva che succedeva questo,il titolo del post lo chiarisce bene, se poi il tuo commento è dettato da preoccupazione allora mi scuso e ti invito a lottare con noi per l' assunzione ata, vieni il 23 a Roma e gridiamo BASTA A QUESTI RICATTI.

    RispondiElimina
  11. la mia non era una provocazione e me ne scuso
    se non mi sono spiegato bene, hai detto bene la mia e solo preoccupazione ma non penso che e solo la mia un po tutti siamo preoccupati.

    RispondiElimina
  12. Salve a tutti...anche in Provincia di Matera gira la stessa notizia...
    Vi posto un articolo ripetuto sul sito basilicata.net e sul quotidiano La Nuova del 30 Settembre...comunque di lettere neanche l'ombra...è il solito gioco che per l'ennesima volta chiede di abbassare le braghe ai lavoratori ed allo stesso tempo permette di riempire le tasche alle Cooperative...
    Sempre la solita storia...

    PROVINCIA MT, STELLA SCRIVE A MINISTRO PER VERTENZA CICLAT

    30/09/2009 16.40.12
    [Basilicata]


    “L’onda lunga della crisi ha investito per l’ennesima volta il territorio lucano. Questa volta a dover subire numerosi tagli occupazionali è proprio la provincia di Matera, che perderà ben 114 posti di lavoro.” Lo afferma il presidente della Provincia di Matera, Franco Stella, riferendosi alla crisi della Ciclat di Pisticci, azienda impegnata nelle attività di pulizia nelle scuole pubbliche, che ha assunto ex Lsu.

    “L’azienda è stata costretta a far partire ieri le lettere di licenziamento – ha sottolineato il presidente Stella – a causa della mancanza di risorse per finanziare i contratti attuativi già sottoscritti presso la Regione Basilicata e quella di Calabria (oltre i 114 lavoratori materani a rischio, ce ne sono circa 70 del Cosentino). Inoltre, nonostante la proroga prevista dal Ministero dell’Istruzione, la copertura degli affidamenti attualmente in corso è sufficiente sino alla fine del 2009. A pagare le conseguenze di questo status quo saranno gli addetti al servizio di pulizia degli istituti scolastici di Matera, Bernalda, Ferrandina, Irsina, Miglionico, Montalbano, Montescaglioso, Policoro, Pomarico e Scanzano Jonico.”

    “Una nuova emergenza che ha trovato nell’Amministrazione provinciale di Matera – ha concluso il presidente Stella – una istituzione attenta e solidale, che consapevole dell’angoscia dei 114 lavoratori, ha deciso di farsi interprete e portavoce delle loro legittime istanze presso le autorità competenti. L’auspicio è che il Ministro dell’Istruzione risponda a breve alle nostre sollecitazioni e che, nel frattempo, la Regione si impegni nella individuazione di una soluzione alternativa.”

    Saluti a tutti.

    Luciano da Ferrandina - figlio disoccupato a carico di operaia pulitrice

    RispondiElimina
  13. Complimenti Luciano,sei sempre attento e diligente,segui con attenzione ammirevole le nostre vicende, che sono poi quelle della tua mamma. A volte sembra come se ti fossi stancato di farlo,alla tua età ne avresti anche tutte le ragioni, invece al momento opportuno riappari puntuale come un orologio svizzero, a dare il tuo importane contributo al blog. Luciano, ora non definirmi irriverente o incontentabile se io ti chiedo di fare un altro passo in più...Ferrandina non è lontana da Matera, chiedi di essere ricevuto dal Presidente Franco Stella (non credo si negherà) e portalo a conoscenza di tutta la nostra storia. La documentazione non ti mancherebbe, basterebbe solo che copiassi due o tre dei tanti articoli da noi postati. La cosa che dovresti maggiormente far emergere, è che se i politici continueranno a fare appelli come lui ha fatto, serviranno solo a proteggere le ditte appaltatrici senza sollevare gli operai da questo perenne stillicidio...risorse sì, risorse no. Diglielo che siamo stufi!! e che se vuole proprio aiutarci, che faccia degli appelli seri: Chieda di non farci più sfruttare da queste sanguisughe che vivono sulle nostre spalle. Fagli capire che se chiede ancora il rifinanziamento ci farà solo del male. E che non vogliamo sentire per i prossimi tre mesi questa litanìa che fin troppo bene conosciamo. Luciano vedo che sei un ragazzo sveglio...sono sicuro che saprai suggerirgli quale dev'essere l'appello di cui farsi portavoce presso le autorità competenti...ciao e in bocca al lupo, saluti anche alla tua mamma.

    RispondiElimina
  14. giorno a tutti, il buon non lo metto xchè così non è.A quanto pare hanno tolto anche i finanziamenti sino a dicembre, se riuscite chiedete conferma di ciò alle vostre ditte. io lo ho già fatto e risulta effettivamente così.svegliamoci.

    RispondiElimina
  15. "In risposta ad entrambi i blogs"

    Non ci risulta questa notizia anche perchè, l'avviso della Team Sercice sud, faceva riferimento al mancato finanziamento del 2010 non al 2009 cmq dateci il tempo di verificare e vi faremo sapere.

    RispondiElimina
  16. Ai COLLEGHI di entrambi i blog:
    Ho ricevuto un fax di un articolo di un giornale Campano riferito alle comunicazioni di licenziamento collettivo della Team Service sud e confermo che riferisce che tale decisione è da attribuire al mancato finanziamenti del 2010.
    Appena so di altre ditte riferirò.

    RispondiElimina
  17. i finanziamenti garantiti sino a dicembre 2009 non ci sono piu'. notizia di oggi da parte della filcams. sardegna

    RispondiElimina
  18. Vi posto questa comunicazione rdb inerènte a quanto sta succedendo.

    COMUNICAZIONE

    vertenza ex LSU - pulizie Istituzioni scolastiche

    In questi giorni stanno arrivando alla Federazione Nazionale, ed in alcuni casi alle Federazioni Provinciali delle RdB, le “procedure di licenziamento collettivo per riduzione di personale” in base alla Legge 223/1991.

    Queste procedure sono frutto della necessità dei Consorzi (che gestiscono nazionalmente l’appalto di pulizie delle Scuole utilizzando gli ex LSU) di garantirsi eventualmente una via d’uscita nel caso in cui, dopo il 31/12/2009, NON arrivino ulteriori finanziamenti, ma soprattutto serve per spingere il Governo a “rimpinguare” il Fondo (rifinanziabile per ulteriori 3 anni) contenuto nel "pacchetto anticrisi".
    Vi chiediamo di prestare particolare attenzione a tali procedure contattandoci urgentemente, nel caso riceviate comunicazioni da parte delle Ditte/Coop. che gestiscono questo appalto nella vostra Provincia, in maniera che possiamo richiedere la convocazione presso il Ministero.

    Vi ringrazio anticipatamente e Vi invio saluti fraterni.

    Pierpaolo Corallo

    info@puglia.rdbcub.it

    RispondiElimina
  19. Se avete ricevuto delle lettere di licenziamento fatelo sapere altrimenti quello che scrivete sul blog è solo per mettere tutti gli altri in allarme c'è QUALCUNO CHE SI DIVERTECHE NON FA PARTE DEGLI EX LSU. LAZIALE .

    RispondiElimina
  20. collega laziale io aggiungerei mettere la lettera sul blogs, visto e considerato fidarsi e bene ma non fidarsi e meglio allora: SE QUALCUNO A RICEVUTO LA LETTERA DI LICENZIAMENTO LA METTE NEL BLOGS GRAZIE COSI CI ORGANIZZEREMO IN MERITO

    RispondiElimina
  21. Cari colleghi io credo che a questo punto in virtù di questo ennesimo tentativo di licenziamento collettivo sia il caso di dire basta a tutto questo , io personalmente sono stufo di continuare così, non mi sembra giusto, sono stufo di dover dipendere da una finanziaria, stufo di essere forma di ricatto dei Consorzi al Ministero per l’attribuzione dei finanziamenti, stufo di non avere una collocazione sociale CHI SIAMO NOI SCUSATE siamo e saremo sempre EX LSU, sono stufo di subire disposizioni dai Consorzi e dai Dirigenti QUANTI PADRONI ABBIAMO, tutto sempre pagato sulla nostra pelle, a questo punto colleghi bisogna che ci facciamo necessariamente una domanda:
    RIMANERE IN QUESTO LIMBO come molti lo hanno definito e quindi subire tutto questo o USCIRE E COMINCIARE A VIVERE e liberarci di queste sanguisughe?

    Le strade sono chiaramente due :

    • il Limbo e cioè “Il rifinanziamento” e la utopistica ambizione di raggiungere le 40 ore, che come abbiamo detto in passato sarebbero per un fatto gestionale, FRAMMENTATE cioè con un doppio intervento lavorativo (mattina e poi pomeriggio) e quindi continuare con l’ansia di perdere prima o poi il posto di lavoro.

    • O lottare per l’ ASSUNZIONE ATA per cio’ che ci dovevano già nel 2001 per il riconoscimento di un ruolo lavorativo che abbiamo dal 1995, per la sicurezza di non dipendere più da questi giochetti politici-sindacali, per vivere senza ansia con dignità.

    Ebbene è inutile che continuiamo a beccarci, facciamo solo il gioco dei sindacati le strade sono due e ben distinte, le correnti sindacali che appoggiano rispettivamente i due obiettivi sono chiaramente individuabili e non illudiamoci che si possano perseguire entrambi gli obiettivi perché non è così.

    FATE LA VOSTRA SCELTA!

    Con l’augurio che si riesca a creare un movimento autonomo che al disopra dei sindacati metta tutti daccordo.

    RispondiElimina
  22. Ciao a tutti ieri incontro con le delegazioni filcams e' stato chiesto con vari tentativi al miur che fine abbia fatto il famoso tavolo tecnico,ma il miur tace e fa orecchie da mercante,quindi si dovra' iniziare con scioperi e manifestazioni visto che il nostro contrtto scade il 31 dicembre x le lettere di mobilita'le coop furbamentesi son mosse prima(io so team service)quindi se x dicembre nn ci sara' il rifinanziamento il 1 gennaio c'e la possibilita' del licenziamento quindi chiedo a tutti i colleghi di nn allammarci ma di lottare tutti insieme x cio' che ci spetta di diritto d anni STABILIZZAZIONE CHIEDO SOLIDARIETA'E COMPORTAMENTO CORRETTO SENZA ATTACCARCI TRA DI NOI x ultimo i finanziamenti fino a dicembre ci sono scusatemi x l'intrusione nn scrivo andiamo a roma xche dicono che so ripetitiva fate voi ,stamattina una collega calabria mi ha chiamata e sapete cosa gli hanno risposto le sue colleghe alle notizia?noi nn ci muoviamo se finisce lo sara' x tutti, queste sono xsone senza dignita' e rispetto x che si fa in quattro ciao a tutti chi vuole sapere di iu' mi chiami un bacio ela

    RispondiElimina
  23. FINALMENTE TI RICONOSCO DI NUOVO.
    Giusto il messaggio che hai scritto, e ora di attaccare e lottare per la stabilizzazione, a prescindere l'appartenenza sindacale, ed il colore politico.
    Non aggiungo altro perchè sarebbe retorico.
    Saluti Mocetor

    RispondiElimina
  24. prima nel post ho dimenticato di dirvi che Pizza nn c'e piu' si dice che chi ha preso il suo posto e' tosto nn aggiungo altro x mocetor io so stata sempre cosi' nn ho certo na gemella e ho sempre detto che lotto x la stabilizzazione ma dobbiamo anche pensare che potremmo xdere entrambi le cose ma lasciamo stare pensiamo al da farsi ciao a tutti ela

    RispondiElimina
  25. ragazzi sono maria rosaria da torre del greco ho avuto modo di girare sui posti di lavoro e possso dire che i colleghi sono agguerriti e sono stufi di questo accattonaggio delle ditte percio tutti a roma x mandare via sti mafiosi...forza colleghi focciamoli neriiiiiii-----

    RispondiElimina
  26. Voi dite che si lotta per la stabilizzazione ma vi rendete conto quanti EX LSU non hanno idiplomi per essere inseriti come ATA( non che i bidelli sono delle scenze) pero'le richieste sono quelle ,puo' darsi che succeda ugualmente cio'ma ricordiamoci che i sindacati delle scuole sono contro la nostra assunzione ATA..Comunque chi dovesse ricevere una lettera di licenziamento la metta sul BLOG altrimenti cio' che si dice sono solo stupidaggini.LAZIALE saluti a tutti.

    RispondiElimina
  27. Ragazzi per cortesia non spariamo cavolate...
    Il sottosegretario On. Pizza e' sempre al suo posto.Poi sono riuscito a sapere da fonti della maggioranza del Governo che anche per quest'anno ci saranno gli stessi fondi di finanziamento dello scorso anno.
    Per quanto riguarda la nostra stabilizzazione al momento "non e' fattibile" e che si cercheranno di trovare soluzioni per migliorare la nostra situazione lavorativa sempre alle dipendenze delle Ditte.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  28. Scusami LAZIALE il tuo commento è la dimostrazione che alcuni colleghi non seguono il blog con attenzione, non leggono cosa viene detto e spiegato, non fanno attenzione ai commenti e la conseguenza poi è che la discussione non va mai avanti ma rimane sempre impantanata e concentrata a spiegare sempre le stesse cose, adesso per esempio con il tuo commento abbiamo fatto un passo indietro di 3 mesi al periodo delle domande 3° fascia ATA eppure non credo che ci segui da poco. In ogni caso volendo credere che il tuo commento sia ingenuo e non malizioso ti spiego per quale motivo nel nostro caso non necessitiamo del titolo di studio in quanto tu hai già svolto dal 01-01-1995 al 30-06-2001 mansioni di collaboratore scolastico , non stiamo facendo richiesta tramite domande e bandi la nostra richiesta è basata su un lavoro già eseguito con quelle mansioni, se fosse come dici tu dovrebbero obbligare tutti i collaboratori scolastici attualmente in servizio a prendersi il diploma, ti risulta l’abbiano fatto?
    Approfitto poi per rispondere a ripetitivi commenti sempre uguali dall’inizio del nostro percorso che nonostante abbiamo esposto con chiarezza che non è più tempo di inutile ipocrisia ma tempo di scegliere tra due percorsi chiaramente definiti anche per sigle sindacali, continuano a commentare incitando all’ unione.

    RIPETO ESISTONO DUE PERCORSI :

    1)Percorso è dei Sindacati Confederali e altri simili che LOTTANO PER I RIFINANZIAMENTI e PER LA COSTITUZIONE DI UN TAVOLO TECNICO CON LA FINALITA’ DELL’OTTIMIZZAZIONE DEL SERVIZIO E DELLA STABILIZZAZIONE NELLE COOPERATIVE.

    2)Percorso è dei Sindacati della Triplice di Base RDB –SDL – COBAS che LOTTANO PER L’ ASSUNZIONE ATA DEGLI EX LSU e per la costituzione di un TAVOLO TECNICO CON LA FINALITA’ DELLA VERA STABILIZZAZIONE “L’INTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO”.

    LE DATE DELLE MANIFESTAZIONI A ROMA SONO DUE:

    UNA E’ IL 23 OTTOBRE PROPOSTA DALLA TRIPLICE DI BASE CHE CON UN VOLANTINO HA DICHIARATO ESATTAMENTE LE SUE INTENZIONI DI LOTTA, ANDIAMO A ROMA PER RICHIEDERE AL MIUR L’ ASSUNZIONE ATA.

    L’ALTRA DATA DOVREBBE ESSERE IL 9 OTTOBRE ( chiedo conferma) PROPOSTA DAI CONFEDERALI CHE VANNO A ROMA PER IL RIFINANZIAMENTO E LA STABILIZZAZIONE NELLE COOPERATIVE.

    SCEGLIETE DI MANIFESTARE NELLE DATE CHE VOLETE, MA NON ILLUDETEVI E NON ILLUDETECI DI POTER TENERE DUE PIEDI IN UNA SCARPA PER IL SEMPLICE MOTIVO CHE ENTRAMBI GLI SCHIERAMENTI SINDACALI NON VE LO PERMETTERANNO.

    Per finire di rispondere poi al Laziale: al momento esistono solo comunicazioni di avvio licenziamento collettivo inviati ai sindacati e agli organi preposti, nessuno AL MOMENTO ha dichiarato di aver ricevuto lettere di licenziamento, se ci daranno notizia contraria stai tranquillo che lo comunicheremo. .

    ANCHE QUESTO E’ CHIARAMENTE SCRITTO NEL POST “CRONACA DI UNA MORTE ANNUNCIATA”

    A conclusione rispondo al collega di SPONGANO, il dott. Pizza è sempre al MIUR ma mi risulta che abbia un ruolo diverso quindi le trattative non verranno fatte più con lui, notizia non di adesso ma di almeno 2 mesi fa, chiarisco che non ho documentazione di questo e mi avvalgo del beneficio del dubbio.

    RispondiElimina
  29. leggendo le date per andare a roma una il 23 ottobre l'altra dovrebbe essere il 9 ottobre, non e che facendo cosi diventiamo piu deboli mi spiego meglio ci divideremo in due gruppi uno con le coop el'altro per il pasaggio ata volevo ricordarvi che in passato ad ogni manifestazione eravamo pochissimi sempre le solite persone, secondo me facendo cosi diventeremo molto ma molto di meno e questo tutto a nostro svantaggio cerchiamo di trovare una via di mezzo.

    RispondiElimina
  30. ragazzi possiamo emigrare all estero!!!l unica soluzione al momento.

    RispondiElimina
  31. LA DATA DEL 23 COMPRENDE TUTTO IL M0NDO SCUOLA MANIFESTEREMO TUTTI PER LO STESSO OBIETTIVO L' ASSUNZIONE AL MIUR,OGNUNO LO FARA' PER LA SUA CATEGORIA, QUINDI NON SAREMO POCHI, ANCHE NOI SIAMO CONTRO I TAGLI DELLA SCUOLA E CONTRO IL DECRETO GELMINI,SE TI VA VIENI CON NOI.

    RispondiElimina
  32. X PAOLO
    Certo Paolo che sarebbe bello andare a Roma senza Sindacato vorrebbe dire di avere acquisito la maturità e la capacotà di difendere da soli i propi diritti, 14.500 persone a Roma non necessitano di Sindacato, besterebbe come abbiamo sempre detto creare un Direttivo Nazionale Autonomo degli ex LSU per le trattative con il MIUR, ma al momento la cosa non è ancora possibile e quindi dobbiamo necessariamente servirci di alcuni sindacati, ma non disperiamo. ma dire mai forse un giorno ci riusciremo noi il nostro lo stiamo facendo.
    Saluti a Paolo è sempre un piacere leggere tuoi commenti.

    RispondiElimina
  33. SALVE, SONO NUOVA, MA AVETE SENTITO LA NOTIZIA DELLA GELMINI??? IERI 8 OTT. " I BIDELLI RITORNERANNO A FARE LE PULIZIE, FUORI LE DITTE ESTERNE".
    E'NOI?? CHE FINE FAREMO?

    RispondiElimina
  34. CIAO ANONIMA DELLE 20,31 NOI DOBBIAMO LOTTARE CHIEDERE E I NOSTRI DIRITTI NON POSSONO PASSARE INOSSERVATI 14 ANNI DI LAVORO NELLA SCUOLA E X LA SCUOLA
    P.S. METTITI UN NOME ANCHE DI FANTASIA X IL BLOG
    E FAI SAPERE DA DOVE SCRIVI
    SALUTI
    ANTONIO

    RispondiElimina
  35. Rappresentanze Sindacali di Base
    Federazione del pubblico impiego,servizi,industria e settore privato
    aderente alla Confederazione Unitaria di Base

    Roma, 9 ottobre 2009

    La Gelmini boccia i bidelli…
    NOI bocciamo la Gelmini e le politiche di esternalizzazione dei servizi!
    ASSUNTI TUTTI, ASSUNTI DAVVERO!!!
    Sono diversi anni (per la precisione dal 1999) che questa organizzazione sindacale negli incontri Ministeriali, sui volantini, sulla stampa e soprattutto con e tra i Lavoratori ribadisce che con l’esternalizzazione degli appalti per le pulizie nelle Scuole si “spendono” una enormità di soldi lasciando nella precarietà, di vita e di lavoro, migliaia di famiglie e lavoratori.
    Nel 2001 il Ministero dell’Istruzione faceva “transitare” migliaia di lavoratori, che fino ad allora erano Lavoratori Socialmente Utili, verso l’esternalizzazione delle pulizie con l’affidamento a 4 Consorzi nazionali che avrebbero gestito i servizi di pulizie.
    Un affidamento diretto che faceva “intascare” ai 4 Consorzi gli sgravi fiscali e il “bonus” economico (circa 18 milioni di lire per lavoratore assunto) e gli garantiva tra i 2.000 ed 2.300 euro procapite per lavoratore impegnato a fronte di 800 euro mensili che i Lavoratori percepiscono.
    Insomma lo Stato rinunciava a gestire il servizio di pulizie utilizzando l’intermediazione di manodopera (di questo si tratta) dei Consorzi con le loro dittarelle e cooperative.
    Cosi, allo sfruttamento a cui sono sottoposti da 7 anni, gli ex LSU gabbati con false stabilizzazioni pagate a caro prezzo dallo Stato, rischiano di trovarsi in mezzo ad una strada (ribadiamo 15.000 lavoratori con le loro famiglie). A questo va aggiunto che numerose Ditte-Coop. in questi giorni stanno avviando ingiustificate ed illegittime “procedure di licenziamento”.
    Alla Ministra GELMINI, che ieri a mezzo stampa gridava allo “scandalo”, ribadiamo che il VERO scandalo sta nel fatto di far “sfruttare” questi lavoratori ad “imprenditori” solerti solo a batter cassa.
    Oggi alla Ministra confermiamo che il vero risparmio è l’internalizzazione dei servizi, che garantirebbe un rilevante risparmio in termini economici, pari al 40 – 50 % in meno rispetto all’attuale costo dei servizi, e darebbe serenità e sicurezza (quella di arrivare a fine mese) a migliaia di famiglie.
    Sui questi temi, in primo luogo la lotta al precariato e alle privatizzazioni, che rappresentano i veri sprechi della Pubblica Amministrazione, il Patto di Base - che vede riuniti RdB, Cobas e Sdl Intercategoriale, hanno indetto uno
    SCIOPERO GENERALE
    Venerdi 23 Ottobre
    con MANIFESTAZIONE NAZIONALE a ROMA
    P.zza della Repubblica ore 9.30

    il Coordinamento RdB-CUB exLSU

    RispondiElimina
  36. spero solo che il 23 ottobre qualche ex lsu salira i gradini di via trastevere, a spiegare realmente come stanno le cose la ministra germini dice che devono pulire i bidelli noi rispondiamo alla ministra che le coop non le abbiamo scelte noi ma ci hanno costretto a sceglere o le coop o fuori spero chi salira i gradini di via trastevere sarà all'altezza si farà rispettare e farà rispettare tutti gli ex lsu scuola. crepi il lupo

    RispondiElimina
  37. buona sera a tutti i colleghi ex lsu d'italia dopo aver letto un sacco di volte le dichiarazioni della germini non ci o capito niente vi spiego inizia il suo discorso dicendo di togliere le inprese di pulizie e fin qui ci siamo (anche se lei un anno fa se ne usci con la battuta che in italia ci sono piu bidelli che carabinieri cosa non vera) ma e il finale della sua dichiarazione che non e chiara:A questo proposito Mariastella Gelmini ha sottolineato che "ci sono dirigenti scolastici capaci di fare il proprio mestiere, e quindi anche di garantire scuole pulite, e altri che non sono capaci. E' arrivato il momento dunque di affrontare il tema del reclutamento e della valutazione per vedere chi vale e chi no, mi dite voi che ci axeccano i dirigenti scolast con le inprese ma in un colpo a offeso 3 categorie i dirigenti scolastici, noi ex lsu, e i collaboratori scolastici.

    RispondiElimina
  38. Giusto per dovere di cronaca la frase che in "italia ci sono piu' bidelli che carabinieri" fu di CALDEROLI della lega nord.

    RispondiElimina
  39. visto la prontamente risposta alla germini da parte del segrtario della filcams mi viene a che pensare non e che e tutto da copione?

    RispondiElimina
  40. Sono la laziale di sempre un periodo non ho potuto seguire il blog mi scuso con Maurizio pero? so con certezza che i bidelli per prendere i diplomi la gran parte di loro sono andati alle scuole serali addirittura qualcuno l'ha comprato ma aldi fuori di questo vi dico che ogni giorno seguo le informazioni all'aradio ed ho sentito che BERTOLASO diceva che con i finanziamenti alle ditte esterne ci costruiscono le scuole antisismiche ora che significato si voglia dare a questa cosa non lo so .La situazione non è bella resteremo come tanta altra gente con il sedere per terra.LAZIALE saluti(PS se qualcuno ha ricevuto lettere di licenziamento lo dica).

    RispondiElimina
  41. COMUNICAZIONE AI COLLEGHI:
    NEL CASO IN CUI RICEVIATE LETTERE DI LICENZIAMENTO,RICORDATE CHE ESSE VANNO IMMEDIATAMENTE IMPUGNATE PER VIE LEGALI( se non erro ci sono 10 giorni di tempo per farlo dalla ricezione della lettera).
    DOVETE QUINDI RIVOLGERVI AD UN AVVOCATO DI VOSTRA FIDUCIA (evitate i sindacati)CHE VI SCRIVERA' UNA SEMPLICE LETTERA DI IMPUGNATIVA DA INVIARE ALLA DITTA CON R.A. NEL CASO IN CUI I SINDACATI VI DICESSERO IL CONTRARIO NON LI DATE RETTA.

    RispondiElimina
  42. ciao sono salvo dalla sicilia,siamo arrivati al capolinea,e ora che si fa?la vedo nera ma molto nera,chissa come saranno contenti i coll.scolastici.

    RispondiElimina
  43. ANDATE SU TELEVIDEO MEDIASET PAG 131 CI SONO DELLE NOVITA SULLA GERMINI
    BEPPE

    RispondiElimina
  44. http://www.repubblica.it/2009/02/sezioni/scuola_e_universita/servizi/precari/gelmini-tar/gelmini-tar.html?rss
    beppe

    RispondiElimina
  45. http://interno18.it/politica/4709/gelmini-sfiduciata-inoperosita-dal-comune-di-desenzano-diventa-avvocato-a-reggio-calab

    leggete anche questo

    RispondiElimina
  46. colleghi e ora di dire forte alla gelmini che vogliamo essere bidelli che puliscono le scuole

    RispondiElimina
  47. pero che bella soddisfazione rivedere i bidelli a pulire

    RispondiElimina
  48. maurizio sono sicura che rifinanziano le ditte magari anche con le 40 ore e ci faranno un culo cosi...e dopo tante chiacchiere molti di noi x comodita si abbassera anche i pantaloni ..ecco chi sono i lsu... sono anni che si parla si parla ma a parecchi fa comodo sta situazione..

    RispondiElimina
  49. Ma quale soddisfazione noi li guarderemo da casa però se non facciamo qualcosa.

    RispondiElimina
  50. france' la cosa rimarra cosi com'e non cambiera un ca....o come sempre..nun simm buon..

    RispondiElimina
  51. Collega delle 23,24 dopo la dichiarazione della Gelmini credi ancora alle 40 ore ? Ma non hai capito che adesso piu' che mai l'unica strada possibile è solo l'assunzione ata.

    RispondiElimina
  52. FRANCESCO NE SEI COSI SICURO?

    RispondiElimina
  53. BEPPE ho guardato sul televideo ho capito cosa intendi ma li parla che c'è stato un disguido nei confronti di precari professori ma per noi non è cosi.Questi già stanno d'accordo vogliono farci fuori normalmente i finanziamenti ci dovevano stare ancora per 3 anni,altro che sognare di fare i bidelli.Vedremo

    RispondiElimina
  54. Perchè tu cosa credi che un ministro dica cose così tanto per dire io vorrei avere la vostra sicurezza
    ricordo quando ero in fabbrica i miei colleghi erano tranquilli come voi e dopo 5 mesi eravamo tutti a casa licenziati io invece credo che bisogna dare una risposta dura altrimenti siamo fottuti.

    RispondiElimina
  55. VA BE PROVIAMOCI, PERSONALMENTE LA SENTENZA DEL TAR DEL LAZIO MI HA DATO QUALCHE SPERANZA IN PIù,FACCIAMO STA BENEDETTA CAUSA ALLA FINE MALE CHE VADA POSSIAMO DIRE ALMENO CI ABBIAMO PROVATO ANCHE SE LA SENTENZA DEL TAR CI FA VEDERE UNA PICCOLA LUCE POI COLLEGA SOGNARE NON COSTA NULLA BUONA DOMENICA A TUTTI VOI
    BEPPE

    RispondiElimina
  56. Bidelli. Pulizia sì, pulizia no




    La proposta del ministro Gelmini di "normalizzare" la situazione dei bidelli, togliendo i servizi esterni di pulizia e l'utilizzo "improprio" dei lavoratori socialmente utili, sta dividendo il mondo della scuola e quello sindacale.

    "Affidare la pulizia ai bidelli non è praticabile, soprattutto perché si andrebbe a distruggere un settore come quello delle pulizie multi servizi che, nella scuola impiega circa 15 mila addetti". Lo dichiarato il Commissario Nazionale della Ugl Igiene Ambientale, Giancarlo Favoccia che aggiunge: "parliamo di un bacino altissimo di lavoratori che sarebbero, di certo, difficilmente ricollocabili visto anche l'età media, 45-50 anni, e considerato che gli stessi sono impegnati maggiormente nelle regioni del centro e sud Italia, gia' notevolmente flagellato dal fenomeno della disoccupazione".

    Il segretario generale dello Snals, Marco Paolo Nigi, è di diverso avviso: "Siamo d'accordo con la valutazione negativa data dal ministro in Parlamento sulla esternalizzazione dei servizi di pulizia delle scuole che hanno un costo insostenibile per il bilancio dello Stato. Medesima convergenza anche riguardo alla proposta di ricondurre tale compito alle normali mansioni del personale interno alle scuole".

    Nigi ricorda che questa è una tesi che lo Snals ha sempre sostenuto ai tavoli di confronto al Miur per la definizione degli organici del personale, perché ritiene non ammissibile che ci sia uno spreco di risorse pubbliche per affidare la pulizia delle scuole a soggetti esterni, quando tale mansione è riconducibile al profilo professionale dei collaboratori scolastici.

    Il segretario dello Snals ricorda che l'«esternalizzazione» delle pulizie è costata all'erario 560 milioni di euro, determinando la drastica riduzione del numero dei collaboratori scolastici con gravi danni alla funzionalità delle scuole.

    Sulla stessa linea è anche il segretario dell'Aduc, Primo Mastrantoni: "I bidelli devono pulire le scuole e non si può ricorrere, a meno di situazioni particolari, ad appalti esterni che aggravano il bilancio pubblico. I bidelli dovrebbero avere, essenzialmente, la funzione di vigilanti e di addetti alle pulizie. Se una finestra o un soffitto sono troppo alti come si fa a pulirli? Non si fa, si chiama l'impresa di pulizia! È questa la distorsione cui ci ha portato una insensata contrattualità sindacale".


    --------------------------------------------------------------------------------
    tuttoscuola.com

    RispondiElimina
  57. Pulizia scuole: le imprese chiedono incontro al ministro Gelmini
    “Occorre analizzare il problema delle pulizie delle scuole italiane in maniera organica e mettere a disposizione del Ministero gli elementi necessari per valutare e migliorare il sistema nell’interesse della collettività e del contenimento della spesa pubblica”.
    E’ questa la richiesta avanzata dalle Associazioni di rappresentanza delle imprese di pulizia che fanno capo a Confindustria, Lega Coop e Confcooperative, a pochi giorni dalle dichiarazioni del Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini circa l’opportunità dell’affidamento ai bidelli dei servizi di pulizia nelle strutture scolastiche e la conseguente chiusura del mercato alle imprese specializzate in questo tipo di attività.
    Secondo le quattro sigle associative, che hanno inviato una lettera con richiesta di incontro al Ministro, se fosse confermata e messa in pratica la proposta lanciata si produrrebbero effetti esattamente opposti a quelli desiderati con aumento dei costi e peggioramento delle condizioni di igiene per le scuole.
    La proposta del Ministro appare quanto mai anacronistica e poco adatta allo scopo di riduzione della spesa pubblica da più parti sbandierato: negli ultimi 8 anni, a fronte della progressiva diminuzione dei bidelli in organico di circa 45.000 unità e vista la necessità di affrontare in una logica professionale il tema della pulizia e dell’igiene nelle scuole di ogni ordine e grado, si è proceduto verso progressive esternalizzazioni dei servizi, con sviluppo di nuova occupazione da parte delle imprese.
    Il sistema delle imprese ha assorbito inoltre 14.000 ex LSU (lavoratori socialmente utili), evitando processi di assunzione diretta da parte dello Stato, con notevoli benefici economici, viste le modalità operative industriali e gli orari di lavoro più compatibili con le esigenze di eseguire i servizi fuori dai normali turni di lavoro del pubblico impiego
    “Occorre migliorare i sistemi di gara”, rileva Claudia Giuliani, Presidente di ANIP FISE, “puntare sulla qualità delle imprese e del servizio, sviluppare i processi di industrializzazione e, se occorre, integrare i bidelli nel sistema operativo delle imprese”.
    Le pulizie rappresentano una attività industriale e professionale che non può più essere pensata come se ancora si lavorasse con la scopa e lo straccio, con spreco di risorse umane e ambientali. Le imprese hanno investito in formazione del personale e in macchinari e attrezzature adeguate: “gli istituti scolastici sono in grado di fare altrettanto con i loro bidelli ?” si chiede Massimo Stronati, Presidente di Federlavoro. E ancora, sottolinea Giuliani, è il Dirigente scolastico che si deve occupare della ottimizzazione del servizio di pulizia e della gestione del personale o è preferibile, dal punto di vista della qualità come dell’economia, che tutto il servizio, compreso il coordinamento, sia svolto da chi è specializzato nell’attività ?
    “Il richiamo fatto dal ministro Gelmini – dice Massimo Stronati, presidente federlavoro e Servizi Confcooperative – dovrebbe essere propedeutico alla definizione di un piano pluriennale complessivo che, attraverso l’integrazione delle esternalizzazioni e delle situazioni non coperte, porti a un efficiente riorganizzazione del servizio a costi sostenibili, garantendo il mantenimento dei livelli occupazionali, soprattutto in considerazione degli investimenti e della qualificazione raggiunta dalle imprese impegnate nel settore. Sottolineiamo al ministro che rispetto ai ritardati pagamenti, il Miur si era sempre contraddistinto per la regolarità. Oggi, purtroppo, si registrano dei segnali in chiara controtendenza”.
    Occorre poi evitare che in nome di economie solo presunte, non si rinnovino i contratti di appalto, costringendo le imprese a licenziare. Il personale in esubero, osserva Franco Tumino, Presidente ANCST Lega COOP, farebbe pressione per essere assunto dalle scuole dove era già impiegato, determinando una situazione difficilmente governabile e possibili extra costi per lo Stato

    RispondiElimina
  58. Ciao a tutti, sono Rosaria ex lsu di Cosenza. Ho avuto contatti...anzi dei malintesi credo con Maurizio, volevo dire a tutti che forse è il momento di restare compatti e uniti, qualunque sia il blog...o il sito...la meta dovrebbe essere solo una: difendere il nostro pane e il nostro lavoro. Ieri volevo dire a Maurizio, e non me ne ha dato modo, che, ho inviato una sua lettera che ho trovato su un sito a varie istituzioni, trasmissioni e giornali. Facciamolo tutti! E' giusto e sacrosanto che anche i media nazionali inizino a parlare dei 16000 ex lsu! Un abbraccio di solidarietà a tutti voi!

    RispondiElimina
  59. Collega Rosaria non preoccuparti i malintesi si possono sempre chiarire, permettimi solo di contraddirti sul fatto che dici che indifferentemente dai blog abbiamo la stessa meta.
    Noi riteniamo che nelle cooperative non ci sia alcun futuro e la conferma ci viene dall'ultima dichiarazione della Gelmini che a mio avviso è la conferma anche del fallimento della linea sindacale proposta dai Confederali, l' UGL, e affini dal 2001 a oggi. L'altro blog invece ha sempre ritenuto il nostro percorso utopistico ed ha sempre puntato sulla stabilizzazione nelle cooperative (le 40 ore). Ora persistere su questa meta per noi equivale a perdere il posto di lavoro prima o poi e quindi ritengo che le mete siano purtroppo due:
    1) TI DARA' LA POSSIBILITA' DI UNA SICUREZZA LAVORATIVA DI RIAQUISTARE UNA DIGNITA' ECONOMICA E SOCIALE CHE ATTUALMENTE NON HAI E MI RIFERISCO ALL' ASSUNZIONE ATA.
    2)L'ALTRA TI PORTERA' ALLA SICUREZZA, PER NOI,DI PERDERE IL POSTO DI LAVORO PRIMA O POI E IN OGNI CASO ALLA SICUREZZA DI CONTINUARE A SUBIRE SOPRUSI, MINACCIE DI LICENZIAMENTI,MANCATI PAGAMENTI, CONTINUI AUMENTI DI CARICHI DI LAVORO.
    ORA DIMMI TU SE LE METE SONO LE STESSE.
    CONVENGO CON TE CHE DOVREBBERO, MA PURTROPPO DI FATTI NON LO SONO.
    SALUTI AFFETTUOSI COLLEGA

    RispondiElimina
  60. siamo in una fase di stallo da una parte la gelmini che nn vuole le cooperative (ma nn si sa se non vuole anche noi) anche perche i bidelli sn pochi senza di noi le scuole possono chiudere ..quindi io dire di approfittarne e far pressione per la nostra stabilizazione .. è arrivato il momento di far sentire la nostra voce e direi pure ai colleghi che stanno nell'altro blog di unirci beppe e tutti gli altri mettiamo l'ascia da parte:D tutti uniti per un unico scopo e cioè il nostro futuro :))

    CIAO DA SALVO DA RAGUSA

    RispondiElimina
  61. prima di tutto ne aprofitto per salutarti salvo era da parecchio che non ti facevi vivo tutto ok? poi per quanto rigurda di mettere da parte L'ASCIA da parte mia mai tirata fuori molti nei miei confronti si mi fermo qui non e il momento delle polemiche,ok ti saluto spero di sentirti presto su msn per scambiare due chiacchiere tra AMICI, CIAU BEDDUUUUUUUUUUUUUUUUUUUU
    BEPPE

    RispondiElimina
  62. beppe tranqui ma vieni a roma? aderisci? uniti significa questo ..tutti con un unico obbiettivo :)) buona serata a tutti ciao da salvorg

    RispondiElimina
  63. SALVO IL 23 SARò A ROMA COME SEMPRE DEL RESTO IN SETTIMANA CONSEGNIAMO ANCHE IL QUESTINARIO PER FARE CAUSA CON L'AVV MANTOVANI CIAO A PRESTO BEDDUUUUUUUUUUUUUUUUUU

    RispondiElimina
  64. Buongiorno a tutti,
    vorrei cortesemente suggerirvi di continuare a scrivere sempre su una pagina, possibilmente l'ultima in ordine cronologico.
    Questo per rendere agevole la lettura e la comprensione di coloro i quali entrano nel blog per la prima volta.
    Un grazie infinito da Stella

    RispondiElimina
  65. x Salvo di ragusa, sono Cetty, nn riesco a mettermi in contatto con te, puoi farti sentire cortesemente?? ciao e grazie

    RispondiElimina
  66. Prima parte ANONIMO SICILIANO

    Alla Signora Ministro Maria Stella Gelmini

    Siamo un gruppo cospicuo di lavoratori che tra la fine gli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta siamo stati assunti come LSU, e che per diversi anni abbiamo lavorato con stipendi da fame, (800.000 lire il mese), senza che fosse versato per noi alcun contributo ai fini pensionistici. In pratica, è come se avessimo lavorato in nero per conto degli enti pubblici (Comuni, Province, Regione). Io e altri 17.000 abbiamo lavorato, infatti, nelle scuole, chi come collaboratore scolastico, chi come assistente amministrativo. Pur percependo uno stipendio basso e senza alcun contributo versato, lavoravamo molto e svolgevamo mansioni che non rientravano nei nostri doveri; eravamo indispensabili, perché nelle scuole gestite dai Comuni e dalle Province c’era mancanza di personale. Abbiamo accettato quelle dure condizioni perché, comunque, tutti ci rassicuravano sul fatto che prima e poi avrebbero stabilizzato quella posizione lavorativa, regolarizzando la nostra situazione.
    Invece, tutto ciò non è avvenuto. A partire, infatti, dallo 01/07/2001 ci hanno di fatto costretto ad accettare di lavorare, sempre nelle scuole, ma come facenti parte di cooperative esterne a cui sono appaltate i lavori di pulizia, in party time, con uno stipendio da fame di appena 700/800 € mensili, mentre lo Stato per ognuno di noi versa alle cooperative oltre 2.500 € il mese. DOVE VA A FINIRE LA MAGGIOR PARTE DEI SOLDI CHE LO STATO FINANZIA PER NOI?
    Contemporaneamente invece di assorbire noi nei normali canali scolastici, hanno consentito che entrassero nella graduatoria del personale ATA persone che aveva lavorato come “pulizieri” nelle scuole solo per un mese, mentre noi (che come LSU per diversi anni abbiamo di fatto sostituito i collaboratori scolastici e fatto funzionare le scuole) siamo stati sbattuti a lavorare con le cooperative. Meritavamo forse un trattamento del genere? Potevamo essere assorbiti tutti dallo Stato, senza che si creassero (nella stessa struttura pubblica), lavoratori di seria A e lavoratori di seria B precarizzati al massimo. A noi è stata negata l’applicazione della “legge del 30%”, promulgata nel 2000 dal governo di allora in carica.

    RispondiElimina
  67. Seconda parte ANONIMO SICILIANO

    Alla Signora Ministro Maria Stella Gelmini

    Tra questi Ex LSU-ATA vi sono persone qualificate che potrebbero svolgere dei lavori qualificati all’interno della scuola e contribuire ad un buon funzionamento della struttura scolastica, ma noi possiamo svolgere solo lavoro di pulizia (1200 mq il giorno). Inoltre a causa della diversità di orario di lavoro tra il personale ATA e noi, spesso si creano dei disguidi organizzativi all’interno della scuola. Un’ altra cosa assurda è che in quelle scuole dove noi siamo presenti, (perché non lo siamo in tutte le scuole), i collaboratori scolastici non fanno niente, mentre noi Ex LSU, ci ammazziamo di lavoro. Al contrario, invece, nelle scuole dove non siamo presenti, i collaboratori scolastici oltre alla sorveglianza e ai vari lavori di collaborazione con i docenti devono fare anche le pulizie, in pratica lavorano il doppio dei loro colleghi fortunati, per giunta a parità di stipendio.
    Se questa è l’uguaglianza di trattamento, in uno stato di diritto democratico noi non lo sappiamo. In compenso tutti i collaboratori scolastici hanno degli incentivi che noi Ex LSU ATA non abbiamo. Noi Ex LSU ATA non abbiamo futuro, perché i nostri anni di servizio non sono conteggiati in caso di concorso, anche all’interno della scuola. Non c’è nessun rinnovo contrattuale, guadagniamo sempre la stessa somma, anche se il costo della vita diventa sempre più caro.
    Non avremo mai una pensione adeguata perché non solo in passato abbiamo lavorato dai cinque a dieci anni come LSU senza contributi, ma ora la legge consente alle cooperative di versare per noi (che già abbiamo un orario di lavoro ridotto in quanto party-time) solo la meta dei contributi dovuti.
    Sarebbe tutto più semplice se il governo ci assorbisse all’interno del pubblico impiego (come ci avevano promesso, perché lo Stato spenderebbe di meno, noi guadagneremo di più e potremmo vivere in modo più decente. Signora Ministra Gelmini noi siamo con lei, noi abbiamo dato molto sia come LSU sia come pulizieri, credo che umanamente meritiamo una piccola ricompensa, quella di passare con lo Stato. La maggior parte di noi è del centro sud dove le famiglie vivono con un solo stipendio con figli che studiano e fanno salti mortali per arrivare a fine mese e ci mancherebbe che dopo lo sfruttamento subito dovremmo essere licenziati per colpa di chi ha guadagnato su di noi. Sarebbe assurdo noi non abbiamo colpa, di tutto questo sperperò di denaro pubblico. Tutti sapevano e tutti tacevano nessuno ci ha difeso eppure noi l’abbiamo sempre detto di questo sperpero Signora Ministra se qualcuno deve pagare non certo noi, che vogliamo vivere decentemente con dignità da onesti cittadini e dare un futuro tranquillo e sereno ai nostri figli che vivono in uno Stato di diritto democratico fondato sul lavoro. Se lei ci licenza molti di noi non potrà dare un futuro sereno ai loro figli. Tutto questo sperpero si poteva evitare se nel 2001 saremmo stati assorbiti dallo Stato.

    GRAZIE

    RispondiElimina
  68. RAGAZZI EX LSU COME ME ..MI E VENUTA UN IDEA...SARA SCEMA MA E IL SOLO MODO X FARCI ASCOLTARE...FACCIAMO VENIRE LA TRUPPE DI STRISCIA LA NOTIZIA COSI CI SFOGHIAMO FORTE..DOVRANNO ASCOLTARE E DARCI UNA RISPOSTA...INVECE DI ANDARE A ROMA A FARE DA SPALLA AI PRECARI....

    RispondiElimina
  69. idea del menga!!

    RispondiElimina
  70. perche menga...e una buona idea ..ci ascolteranno..ci vuole solo una buona rappresentanza di palle...senza sindacato solo palle...ma quelle vere magari quelle che ci mancano....e il resto lo fara striscia la notizia

    RispondiElimina
  71. http://www.youtube.com/watch?v=Kld80attxb4

    RispondiElimina
  72. mi rivolgo ai dipendenti della multiservizi del molise mi pare,se vi pagano al 50%,denunciateli alla procura della repubblica a lla guardia di finanza ,questi sono dei mercenari che camminano con SUV da 50,000,00 euro e poi fanno queste misere azioni meschine!!!e non lavorate denunciateli ripeto.

    RispondiElimina
  73. I CONSORZI DICONO:
    Le pulizie rappresentano una attività industriale e professionale che non può più essere pensata come se ancora si lavorasse con la scopa e lo straccio, con spreco di risorse umane e ambientali. Le imprese hanno investito in formazione del personale e in macchinari e attrezzature adeguate: “


    "GLI UNICI MACCHINARI CHE ABBIAMO VISTO IN QUESTI ANNI SONO I MACCHINONI CON CUI VIAGGIATE"

    MA DI QUALE FORMAZIONE PARLATE?

    VERGOGNA
    VERGOGNA
    VERGOGNA

    RispondiElimina
  74. IERI GIORNO 16 10 2009 ORE 930 ENTRA A SCUOLA IL MIO DATORE ANZI IL RAPRESENTANTE PER LA DITTA CON LA QUALE LAVORO CI SALUTIAMO GIORNO GIORNO..COME MAI QUA? HO UN'INCONTRO LA LA DIRETRICE DELLA SCUOLA PER FAR FIRMARE IL CONTRATTO ,HA OK CI VEDIAMO APPENA ESCE OK OK,PASSANO 10 MINUTI ARRIVA UN SIGNORE CON UNA MACCHINONA GRANDE E SICOCME IO SN MESSO D'AVANTI ALLA PORTA CHIEDO...PREGO? LUI BUONGIORNO SONO AMMINISTRATORE DELLA CSNA CICLAT DI BOLOGNA AVREI UN'INCONTRO CON IL PRESIDE DELLA SCUOLA E IO SI SI VENGA C'è DENTRO GIA IL SUO COLLEGA E LUI OK GRAZIE...FINISCE QUESTA RIUNIONE ALLE ORE 14 45 (PIU DI 4 ORE) ESCONO FUORI CHIAMANO NOI DIPENDENTI E CI DICONO C'è RIUNIONE... MORALE DELLA FAVOLA DAL 1 NOVEMBRE INVECE DI 6 ORE AL GIORNO 5 ORE IL SABATO, NE FACCIAMO 7 COSI CI DANNO UN GIORNO LIBERO NON SAREMMO PIU PERSONE NELLA SCUOLA MA UNITA E IL LAVORO DEI FAMOSI 1200 METRI SARA DI 632 METRI CIRCA COMPRESO ESTERNI IN POCHE PAROLE LA LORO FILOSOFIA è 700 X5 :6 IO M I ALZO E DICO MA SCUSATE MA LA GELMINI NN VOLEVA FUORI LE COOP? SAPETE COSA MA RISPOSTO ? LE COOP SN FUORI QUANDO LA GELMINI ANDRA IN PENSIONE..NON PER QUESTO MI SN SORAGGIATO ANZII LA MIA RISPOSTA è STATA A VOGLIA DI CAMBIARE MACCHINE...IL RAPPRESENTANTE MA DETTTO COSA? E IO NULLA NULLA PARLAVO CON LA MIA COLLEGA ..UNA BUONA SERATA CIAO A TUTTI DA SALVO DA RG

    RispondiElimina
  75. Salvo non ho capito tanto bene , perchè noi già lavoriamo su 5 giorni con un giorno libero e già lavoriamo su 700 mq al giorno, qundi ti chiedo cortesemente di spiegarmi meglio quanto è successo perchè non ho capito bene,voi prima lavoravate su 6 giorni per 6 ore + 5 il sabato ? prendevate quindi il 25% di maggiorazione ? grazie.

    RispondiElimina
  76. ...Se è x questo.pure la meridionale servizi, con sede a Bari..sono 2 anni che ci dà lo stipendio quando più gli fà comodo...spesso capita ..come ancora una volta questo mese, al 50%...ha sempre la scusa pronta, che non ha soldi perchè le scuole non pagano....arrivati a questo punto, bene farà la Gelmini se continua su questa strada....

    RispondiElimina
  77. salvo ci cogli di sorpresa con il tuo post anche io no o capito puoi ripetere la questione del giorno libero? e poi che contratto hanno firmato dal ..... al ...... in poche parole spiegati meglio grazie salvo da ragusa

    RispondiElimina
  78. CIAO SALVO SONO A,EFFETTIVAMENTE NEMMENO IO HO CAPITO QUELLO CHE HAI SCRITTO. PERò TI POSSO ASSICURARE CHE NON SI FANNO COSI I CONTRATTI SI FANNO AL MIUR OPPURE AL PROVVEDITORATO CON LA PRESENZA DI DIRIGENTI SCOLASTICIE POI CON I SINDACATI QUINDI PENSO CHE TI HANNO GIOCATO QUALCHE SCHERZO,I SOLDI NON CI SONO E QUESTI VOGLIONO BUTTARCI FUORI X FAR BILANCIARE BENE IL LORO OPERATO POLITICO E TI GARANTISCO CHE NON SE NE FREGANO DI NOI DELLA NOSTRA ETà E DEL LAVORO CHE NOI FACCIAMO XCHè NON LICENZIANO I BIDELLI XCHè IN QUESTI CASI SONO LORO CHE NON FANNO UN TUBO COSI SI è ESPRESSA LA GELMINI ...TI SALUTO

    RispondiElimina
  79. e' un po'strano che un dirigente del cns(consorzio nazionale sevizi)si presenti in una scuola per stipulare un nuovo contratto. la ciclat e' un consorzio a cui scatturiscono le varie cooperative di cui noi facciamo parte. per quanto riguarda l'orario anche noi lavoriamo 5 giorni su sei(naturalmente domenica libera), e l'orario e' di 7 ore giornaliere. cio' che e' diverso e' che noi ricopriamo i 900 mq. a testa.

    RispondiElimina
  80. Buona domenica a tutti i colleghi, sono Beppe volevo dire la mia sul post dell'amico Salvo sembrerebbe strano che i consorzi si prendono la briga di andare in giro per le scuole come qualcuno a anche scritto nei post ma conosco Salvo da un anno oramai e credo se ha scritto quelle cose perche sono vere, se vi ricordate bene anche la collega ELA ne aprofitto per salutarla un paio di mesi fa disse che prossimamente dovevamo fare 650 metri per ognuno di noi ma puntualmente fu ataccata dicendo che non era vero a quanto pare il tempo gli sta dando ragione. Ritorniamo sul post di Salvo ieri sera dopo aver letto il suo post ci siamo sentiti per telefono abbiamo parlato un bel po io sono convinto che quello che ha scritto
    Salvo corrisponde a verita.

    RispondiElimina
  81. QUESTA SERA REPORTER TORNA A PARLARE DELLE ESTERNALIZZAZIONI.

    RispondiElimina
  82. BEPPE CI HAI PROPRIO SCOCCIATO SEI PESANTE E MONOTONO, NESSUNO SI E' PERMESSO DI METTERE IN DUBBIO LA SERIETA' DI SALVO CHIEDIAMO SOLO CHIARIMENTI PERCHE' IL COMMENTO E' POCO CHIARO TI DOVRESTI SOLO VERGOGNARE SEI SEMPRE PRONTO A METTERE ZIZZANIA FRA I COLLEGHI SPERO PROPRIO DI INCONTRARTI A ROMA NON VEDO L'ORA.

    RispondiElimina
  83. Buona domenica a tutti scrivo dall'Abruzzo ,al mio gruppo non è arrivata nessuna notizia dal sindacato sullo sciopero del 23,comunque la mia coop paga regolarmente attorno al 25 del mese .IO SPERO COMUNQUE di essere stabilizzata ,non mi piace il modo in cui l'azienda gestisce il gruppo dando il coordinamento ad una mia collega che fa solo i suoi interessi rispiarmandosi........Comunque la ditta se non ci sta bene qualcosa non ne vuole sapere.Chi deve pulire scuole grandi e affollate sta sullo stesso livello di chi pulisce scuole grandi ma vuote o addirittura piccole e vuote ma ha le simpatie della capa coordinatrice.PIù VOLTE ABBIAMO RICHIESTO l' intervento della ditta ma invano.... secondo me alla ditta non importa niente se fra di noi scorre sangue....non c'è un minimo di etica e il sindacato dice che non può intervenire perchè lo spostamento del personale spetta alla ditta .Io spero di passare ata così almeno tutti saremo sullo stesso livello non ci sarà piu chi si rispiarma...ci saranno regole e la direzione potrà intervenire direttamente.Lo so stò sognando ad occhi aperti ,però guardare al futuro con un pò di ottimismo mi aiuta a superare il presente.Ciao a tutti .

    RispondiElimina
  84. Collega dall' Abruzzo benvenuta nel blog, non sogni assolutamente se ti attivi e partecipi alla lotta ma se ci limitiamo solo a sperare allora si che rimarrà un sogno.
    Devi cercare di coinvolgere gli altri colleghi alla lotta il 23 ci sarà uno sciopero ma non sarà ne il primo e ne l'ultimo ti lascio la mia e-mail inviami il tuo contatto skype ne parleremo meglio a voce, saluti.
    maurizionapoli1@live.it

    RispondiElimina
  85. sono Maria, volevo dire che anche noi della provincia di caltanissetta abbiamo sempre lavorato 7 ore al giorno per 5 giorni con un giorno libero la settimana, perchè questo giorno non ci viene pagato.Lavoriamo dalle 11 alle 18.

    RispondiElimina
  86. Se, è il Salvo che io conosco dovrebbe lavorare per la stessa cooperativa in cui lavoro io. Nella scuola dove lavoro io fino ad oggi, non è venuto nessuno, tempo fa c’è stato comunicato che l’appalto di pulizie l’ha preso la Ciclat, però la cooperativa che lo gestisce è sempre la stessa. Noi con la nostra cooperativa, come rapporti umani, ci siamo trovati bene. Quando abbiamo incominciato a lavorare con le cooperative, c’è stato un incontro tra il Provveditorato agli studi e i Presidi di tutte le scuole della provincia dove noi Ex lsu lavoravamo. C’è stato un accordo verbale tra i Presidi, che lo chiedevano, il Provveditorato e la cooperativa, che noi potevamo lavorare di mattina aiutando i bidelli o di pomeriggio quando c’era il rientro per sei ore il giorno, dal lunedì al venerdì e cinque ore il sabato in tutto facciamo 35 ore lavorative la settimana. Questo provvedimento verbale è continuato, anche quando sono cambiati i Presidi e il Provveditorato, per un buon funzionamento della scuola. Un sistema di collaborazione ibrido che da noi ha funzionato perché i Presidi con i solo bidelli non ce la farebbero mai a gestire una scuola, con i progetti pomeridiani, i recuperi, i lavori di manutenzione, facchinaggio, ect… I mq da pulire compresi l’esterno sono di 650/700 mq il giorno. più la collaborazione, relativa con il personale ATA, Amministrativo e Docenti. La cosa migliore sarebbe se tutti passassimo con lo Stato.
    Ciao a tutti

    RispondiElimina
  87. Per Maurizio da collega dell' Abruzzo.Scusami ma io non so neanche che cosa è un contatto skype ,pensa che a malapena riesco a scrivere al computer,comunque a proposito dello sciopero da fare sicuramente lo faremo ,anzi a proposito ,nella giornata dello sciopero i servizi essenziali da noi li facciamo ognuno per la propia scuola, ma se nel gruppo c'è una dipendente che non aderisce deve lei coprire anche tutti i servizi essenziali delle altre scuole, è questa la regola? Penso che tu ne sappia molto più di altre persone .
    Grazie dell' aiuto.

    A proposito della stabilizzazione ,credo che anche questa volta rifinanzieranno le coop ,ormai ho l'impressione che ci siano molti interessi sotto anche da parte dei sindacati.Noi non abbiamo chi porta avanti fino in fondo la nostra idea di stabilizzazione,i sindacati che ci affiancano sono gli stessi che difendono i diritti dei precari ata.La Gelmini credi che non sappia in realtà che assumerci farebbe risparmiare molti soldini allo Stato? Fino ad oggi perchè si continua a sperperare ?Se puoi rispondimi .ciao.

    RispondiElimina
  88. Collega dell' abruzzo magari al prossimo commento mi dici anche come ti chiami, skype in effetti è un programma che ti da la possibilità di parlare al pc gratis, se vai su google e digiti la parola skype puoi scaricarlo anche tu e una volta istallato ti chiederà un nik un contatto skype sarebbe il nome che vuoi usare, io ad esempio sono "maurizionapoli3" . Per la domanda dei servizi essenziali il sindacato chiederà alla tua azienda l'individuazione dei servizi essenziali che ti verranno comunicati poi a te in genere sono i w.c. , il personale incaricato dell'epletamento dei servizi viene scelto nel numero sufficiente a eseguire tale lavoro, in genere uno per plesso.Per il rifinanziamento forse sara' cosi' forse no vedremo, noi lottiamo per far si che un giorno, speriamo a breve, si diventi personale ata, se ti va unisciti a noi,ciao.

    RispondiElimina
  89. A tutti gli Ex Lsu Ata,
    della Calabria, della Basilicata e Sicilia orientale:
    Date un'occhiata ai prossimi appuntamenti in Calabria per quanto riguarda i ricorsi, con la presenza dell'avvocato Ruggero Mantovani di Latina ed Elisabetta Callari,membro del direttivo nazionale di RdB. Partecipare è nell'interesse di tutti, non perdete questa occasione, forse non si ripresenterà una seconda volta.
    Naturalmente, prima abbiamo il grande appuntamento del 23 c.m. a Roma per lo sciopero generale, dove non si può assolutamente mancare. Dobbiamo andare a dire personalmente al Ministro Gelmini, che gli Ex Lsu non ci stanno a farsi beffare per l'ennesima volta...magari in questa occasione, nel modo più spiacevole: Ritrovarsi senza lavoro!!
    Se il Ministro vuole risparmiare, si tolga dai piedi una volta per tutte,gli intermediari e i caporali i quali hanno ancora il coraggio di dire che è grazie a loro se siamo professionali e facciamo bene il nostro lavoro. Perchè loro ci hanno dotato di macchinari e formazione di alto livello!!!
    Ragazzi non possiamo più sopportare queste fandonie, sappiamo bene che ciò che facciamo oggi lo facevamo già molto bene (se non meglio)nei 5 anni prima dell'avvento di questi parassiti. Ma se non denunciamo queste bugie, il Ministero potrebbe crederci, regalando a costoro ancora delle risorse pubbliche, lasciando invece noi in condizioni economiche e lavorative, sempre peggiori...E' ora di dire basta!!!
    Questo è il link della locandina:

    http://assuntidavvero.rdbcub.it/index.php?id=20&tx_ttnews[tt_news]=19581&cHash=54f09f13fd&MP=63-629

    RispondiElimina
  90. ROMA - Il 23 ottobre si svolgerà lo sciopero generale di tutte le categorie del lavoro dipendente indetto da Cobas, Cub e Sdl, e in questo quadro i Cobas hanno convocato lo sciopero generale della scuola per l'intera giornata. Lo rende noto Piero Bernocchi, portavoce nazionale dei Cobas. «Il popolo della scuola pubblica - afferma Bernocchi in una nota - abbandonerà le aule e riempirà le strade di Roma con un grande corteo, che partirà alle 10 da piazza della Repubblica e si concluderà a piazza San Giovanni, nel quale i protagonisti della scuola diranno no ai tagli, alle controriforme Tremonti-Gelmini, all'espulsione dei precari e ai contratti di disponibilita», alla legge Aprea, alle cattedre oltre le 18 ore e chiederanno massicci investimenti nella scuola pubblica, l'assunzione dei precari su tutti i posti vacanti, significativi aumenti salariali per docenti e Ata«. La manifestazione si sposterà poi davanti al Ministero dell'Istruzione, dove, a partire dalle 14.30, si svolgerà un sit-in. Lì le strutture dei precari, precisa Bernocchi, terranno un'assemblea nazionale per decidere come proseguire la lotta contro i tagli, i contratti »di disponibilità« e per l'assunzione di tutti i precari

    RispondiElimina
  91. eccomi SCUSATEMI SE SN STATO POCO CHIARO ..ALLORA IL GIORNO PRIMA CHE LA DITTA E IL CONSORZIO VENIVANO A SCUOLA SI SN INCONTRATI AL MIUR GIUSTAMENTE COME DICEVA IL COLLEGA..MA LA MIA DIRETRICE(PRESIDE) NON HA VOLUTO FIRMARE IL CONTRATTO PERCHE A SUO DIRE ERA POCO CHIARO QUINDI SI SN DATI APPUNTAMENTO A SCUOLA .. E LA CI HANNO DETTO DEI 5 GIORNI INVECE DI 6 SI MAURIZIO PRIMA FACEVAMO DA LUNEDI A SABATO SENZA INCENDIVI NEL MODO PIU ASSOLUTO ..DAL LUNEDI AL VENERDI 6 SABATO 5 ORE... PRIMA FACEVAMO PIU DI MILLE METRI CON POCHI SPAZI ESTERNI MO SOLO 640 COMPRESO SPAZI ESTERNI .. CHIEDO ANCORA SCUSA SE SN STATO POCO CHIARO ... ALLA MIA DOMANDA CHE LA GELMINI VUOLE FUORI I CONSORZI IL RAPPRESENTANTE DEL CONSORZIO MA RISPOSTO LA GELMINI ANDRA IN PENSIONE PRIMA CHE LE COOP SIANO BUTTATI FUORI..ED IO LA HO RISPOSTO ALLORA CHISSA QUANTI MACCHINONI COMPRATE O QUALCOSA DEL GENERE E LUI AM DETTO COSA??? E IO NULLA RISPONDEVO ALLA COLLEGA ..TUTTO QUA UN ABBRACCIO A TUTTI CIAO DA SALVO DA RG

    RispondiElimina
  92. mi sn dimenticato di dire che l'incontro tra il miur e le ditte ci sn state tante volte e solo due dirigenti della mia provincia nn hanno mai voluto firmare il contratto ..per il collega della mia stessa ditta ..i primi a cui hanno dato sta notizia siamo stati noi infatti dal primo novembre noi facciamo 5 giorni a settimana con 7 ore al giorno martedi collega della mia provincia golino viene a portare gli stipendi e ve lo dira :)) voglio precisare che nn sn parole uscite dalla mia bocca e nn ho detto mai cavolate tutto quello che ho scritto è successo per davvero. per ANGELA lo so che e strano ma ti posso dire pure il cognome del rapresentante del sud della ciclat CHe si chiama barone con la quale alla fine della riunione io ho parlato per piu di 40 minuti e da precisare pure che prima dirigente e coop e ciclat sierano riuniti al miur ma ripeto la mia dirigente nn ha mai voluto firmare il contratto ...mo la fatto!!!
    un saluto salvo da RG

    RispondiElimina
  93. VORREI RISPONDERE ASALVO ANZI DOMANDARE ATUTTI VOI UNA COSA CIOè MA VOI AVETE LAVORATO 6 GIORNI A SETTIMANA PER 5 ORE? NOI QUI ABBIAMO FATTO 7 ORE PER 5 GIORNI CON RIPOSI INFRA SETTIMANALI MA CERTE COSE NON SONO PER TUTTI UGUALI?E SCUSA SALVO COSA SIGNIFICA SENZA INCENTIVI?.LAZIALE GRAZIE.

    RispondiElimina
  94. senza incentivi significa che nn abbiamo ricevuto il 25% in piu visto che abbiamo lavorato per 6 giorni a settimana senza giorno libero :) E POI NOI NN ABBIAMO LAVORATO 6 GIORNI A SETTIMANA PER 5 ORE MA BENSI 6 GIORNI A SETTIMANA PER 6 ORE DAL LUNEDI AL VENERDI E 5 IL SABATO ..DAL 1 NOVEMBRE FACCIAMO COME TE E CIOE 7 ORE AL GIORNO PER 5 GIORNI SETTIMANALI CIAO DA SALVO RG

    RispondiElimina
  95. SCUSA SALVO SE INSISTO MA SE NON VI HANNO PAGATOUN INCENTIVO A PARTE VI HANNO CONTATO PIU' FERIE ALTRIMENTI Cè UNA VERA EPROPRIA TRUFFA PIOCHà I NOSTRI CONTRATTI NON PREVEDONO CERTE COSE .QUI GIà è DA QUALCHE ANNO CHE FACCIAMO 7 ORE PER 5 GIORNI TANT'è VERO CHE IO GLI CHIESI SE POTEVO FARE MENO ORE FACENDO ANCHE IL SABATO MI RISPOSERO DI NO POICHè NON PREVISTO DA CONTRATTO.VEDETE DI RIMEDIARE A QUESTA COSA SI APPROFITTANO TUTTI

    RispondiElimina
  96. Ho capito salvo ma la vostra situazione era irregolare contrattualmente tantè che voi potreste fare una vertenza alla ditta perchè il contratto che dovevate svolgere è su 5 giorni settimanali + 1 di riposo, avete diritto a chiedere anche l'incentivazione del 25%,quindi hanno regolarizzato una situazione tutto quà per quanto concerne la dichiarazione del responsabile del consorzio lascia il tempo che trova, dimostra anzi la sbruffonaggine di persone che si sentono degli intoccabili grazie anche al consenso dei sindacati. Non so se avete visto la puntata di Reporter si parlava proprio dell'internalizzazione di servizi, in questo caso si riferivano alle ASL e si raccontava che esternalizzare i servizi costava il doppio, piu' o meno la nostra problematica, quindi salvo e a tutti i colleghi, non curiamoci di quello che dicono questi sbruffoni andiamo avanti a testa bassa denunciare e lottare questo dobbiamo fare, poi si vedrà.

    RispondiElimina
  97. ho paura che l'uscita della gelmini sia stata fatta solo per coprire le coop.La mia idea e' che le coop stanno trattando con il governo da tempo per ottenenere piu' spazi ,cosi' da poter spostare gli ex lsu da una scuola all'altra nel nome dell'ottimizazione del servizio.Cercheranno di appaltare il tutto a discapito dei lavoratori che saranno ricattati con il prendere o lasciare,perche l'assunzione non sara diretta agli ex lsu,ma all'edificio scolastico.Il taglio al personale ata per il 2010/2011 favorirebbe questo tipo di contratto.

    RispondiElimina
  98. SECONDO ME BISOGNEREBBE FARE UNA INSERRUZIONE POPOLARE CONTRO IL GOVERNO, E TUTTI I MAIALI CHE MANGIANO E SPECULANO ALLE SPALLE DEI POVERI OPERAI.

    RispondiElimina
  99. Salve a tutti colleghi. Qualcuno di voi fa parte del movimento coordinatore ex lsu ata? Ho appena letto la lettera aperta al Ministro Gelmini, e gli faccio i complimenti.
    Cosa bisogna fare per risolvere il problema dei pagamenti con la Meridionale Servizi? Si può andare avanti cosi? Capisco e appoggio la lotta per diventare Ata, ma per il momento come campiamo? Come si fa a tirare avanti una famiglia con metà stipendio?

    RispondiElimina
  100. Colleghi vi segnalo la pubblicazione della lettera Aperta alla Gelmini pubblicata sul blog a Scuola di bugie della Dottoressa Franca Corradini.
    http://ascuoladibugie.blogosfere.it/2009/10/lettera-aperta-a-maria-stella-gelmini-da-parte-del-movimento-coordinatore-degli-ex-lsu-ata.html

    RispondiElimina
  101. carissimi colleghi mentre ci stiamo a prodicare tra sciperi chiacchiere e varie cazzate sul blog..le coop hanno gia fatto un nuovo accordo con il governo .hanno preso altri appaldi cioe'' nuovi istituti scolostici ..e signifisa che ci fanno un bel culo cosi..hanno concordato 200 metri all'ora..quindi cari colleghi vuol dire che diventeremo delle ferrari ...prendere o lasciare non saremo piu nominativi x lo stato e le coop possono gestire il personale come vuole..se non produci ti sostituiscono con chi vogliono..e con la fame che c'e in giro troveranno anche chi corre di piu..anche extracomunitari ...

    RispondiElimina
  102. non dite cazzate che 200 e 200 metri all'ora ma finitela di dire ste cose ....

    RispondiElimina
  103. Colleghi mi sembra che stiate un poco esagerando con queste affermazioni sono comprovate? Altrimenti evitate di scrivere commenti del genere.

    RispondiElimina
  104. bello vedrai se non saranno 200 manchera poco..poi dirai che quel fesso che ha dato sta' notizia aveva ragione ...noi l'abbiamo saputo propio oggi e domoni c'e un incontro tra azienda e quelli dallalto x mettere nero su bianco..con accordo sindacale federali...a noi lha detto in riserva un confederale..il sign..izzo..

    RispondiElimina
  105. Ascolta noi siamo abituati a dare notizie certe sul blog non per sentito dire, ritengo non giusto dare tipo di notizie, poi mi chiamo Maurizio non bello.

    RispondiElimina
  106. invece di parlare di cose costruttive perche andate avanti con cose senza senso mi riferiso all'anonimo che ha scritto quella cosa sui 200 metri all'ora ..la mia macchina fa 200 all'ora ma di velocita :PPP i metraggi sn scesi tanto per dirne una ma ormai questo nn ha importanza..quello che piu ci sta al cuore e solo una cosa se leggete la lettera inviata alla gelmini capirete molto un'abbraccio salvo da rg

    RispondiElimina
  107. Si è tenuto il 20 ottobre l'incontro tra i Consorzi e le OOSS nella attuazione delle procedure di mobilità ( ex lege 223/91).
    data inserimento : 22/10/2009



    L'incontro non ha portatao ad alcun accordo non essendo ancora chiare le intenzioni del Ministero ( MIUR) ed ha prodotto un verbale che trovate nell'area documenti e la riconvocazione del tavolo per il 13 Novembre.
    Nel materiale trovate anche una bozza di verbale da utilizzare, con minime variazioni, negli incontri terrirtoriali ove richiesti e previsti.






    2009-10-22 21:23:36
    daniele brundu

    RispondiElimina
  108. andate su appalti-ANCST ci sono molte cose interessanti una delle quali dove si dice che le cooperative hanno fatto risparmiare molti soldi allo stato non assumendoci tanto tempo fa. sardegna

    RispondiElimina
  109. non riesco ad entrare nel sito appalti ANCST, COSA DICE ANCORA SULL'INCONTRO?

    RispondiElimina
  110. io sono entrata su googul e digitato appalti-ANCST. c'e' scritto che si trova il documento dell'incontro, ma io non sono riuscita a trovarlo( forse bisogna registrarsi)qualc'uno piu' afferrato di me con internet ci riuscira'

    RispondiElimina
  111. Anche io sono riuscito ad entrare...Ma non riesco a registrarmi!!

    RispondiElimina
  112. Su un documento ci sono riuscito ad aprirlo:
    CONVEGNO CONGIUNTO TAIIS – SINDACATO DEI LAVORATORI, 5 NOVEMBRE P.V., ROMA, Bozza provvisoria programma
     Titolo:
    APPALTI DI SERVIZI E RITARDI DI PAGAMENTO
    Etica, Concorrenza, Regole
    Le proposte del Taiis e di Cgil, Cisl e Uil per risolvere i problemi a tutela dei cittadini e degli utenti, delle imprese corrette e dei lavoratori

     Data e luogo: il 5 novembre, ore mattina (9,30 – 13,30), presso Cnel
     Argomenti:
    o Soluzioni ai ritardi di pagamento, a livello nazionale ed europeo
    o Miglioramento delle modalità di indizione degli appalti, e quindi in particolare:
     Proposta di linee guida sulla Offerta economica più vantaggiosa
     Proposta di riconoscimento della revisione prezzi e obbligo di indicazione del contratto applicabile, anche e soprattutto ai fini della individuazione dell’offerta anomala
     Programma dei lavori:
    o Ore 9,30, Apertura lavori e presidenza della prima parte dei lavori da parte di un esponente delle organizzazioni sindacali
    o Ore 9,45, Relazione di Franco Tumino, esponente Taiis/Ancst, a nome del tavolo di confronto
    o Ore 10,15 – 11,15, Interventi programmati:
     Liliane Brykamn (Unione Europea, DG Concorrenza)
     Alessandro Botto, Autorità di vigilanza sui contratti pubblici
     Dr. Gianfranco Torriero, Direttore Generale ABI
    ° Ore 11,15, Discussione “mista” (ospiti, esponenti Taiis ed esponenti sindacali) in forma di Tavola rotonda, coordinata dal giornalista Andrea Pancani:
    • Ministro del Welfare Sacconi
    • Anci, Presidente Chiamparino o altro esponente
    • Pierluigi Bersani, Responsabile economico del PD
    • Paolo Carcassi, segreteria confederale Uil
    • Anna Maria Furlan, Segreteria confederale Cisl
    • Maurizio Genesini, Taiis/Fise (Cionfindustria)
    • Dr. Francesco Lombrassa, Direttore Ufficio Mercato Interno Dipartimento per il Coordinamento delle Politiche della UE, Presidenza del Consiglio dei Ministri
    • Ilario Perotto, Taiis/Angem (Fipe/Confcommercio)
    • On. Stefano Saglia, Sottosegretario al Ministero allo Sviluppo Economico
    • On. Giancarlo Giorgetti, Presidente della Commissione V Bilancio della Camera dei Deputati
    • Fabrizio Solari, segreteria confederale Cgil
    • Massimo Stronati, Taiis/Federlavoro e Servizi Confcooperative
    • Bruno Tabacci, Responsabile economico UDC, o Savino Pezzotta, Capogruppo Camera UDC
    o Ore 13,30 Chiusura lavori e brevi repliche conclusive:
     Un esponente Taiis
     Un esponente del sindacato dei lavoratori

    RispondiElimina
  113. qualcuno sa come si fa ad entrare nell'aeria documenti dal sito ancst pare che c'e una bozza del verbale dell'incontro di giovedi io sto provando ma non riesco se qualcuno riesce ci dice come si fa? oppure incolla il verbale sul blogs GRAZIE

    RispondiElimina
  114. sono una ex lsu dell'Abruzzo, se volete c'è una lettera interessante da leggere dal titolo: Pulizia scuole :le imprese chiedono incontro alla Gelmini. Per accedere cercate APPALTI-ANCST ,cliccateci sopra e poi di nuovo su appalti-ancst. Quando si apre la pagina leggete la scritta in alto che scorre e cliccate su Pulizia scuole ecc...Io ho cercato di mandarla a maurizio ma non so se ci sono riuscita.Spero sia interessante.rispondetemi in ogni caso ,ciao.

    RispondiElimina
  115. collega perche non icolli la lettera nel blogs? grazie

    RispondiElimina
  116. bisogna cercare di aprire dove dice materiale incontro sindacale ex lsu del 22 ottobre 2009 chi ci riesce lo metta nel blogs vediamo chi ci riesce per primo io CI RINUNCIO

    RispondiElimina
  117. QUESTA LETTERA MI SEMBRA SIA STATA GIA' PUBBLICATA COMUNQUE LA INCOLLO

    Pulizia scuole: le imprese chiedono incontro alla Gelmini
    data inserimento : 12/10/2009
    Comunicato stampa congiunto organizzazioni contro reinternalizzazioni pulizia scuole


    Roma, 12.10.2009 - “Occorre analizzare il problema delle pulizie delle scuole italiane in maniera organica e mettere a disposizione del Ministero gli elementi necessari per valutare e migliorare il sistema nell’interesse della collettività e del contenimento della spesa pubblica”.
    E’ questa la richiesta avanzata dalle Associazioni di rappresentanza delle imprese di pulizia che fanno capo a Confindustria, Lega Coop e Confcooperative, a pochi giorni dalle dichiarazioni del Ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini circa l’opportunità dell’affidamento ai bidelli dei servizi di pulizia nelle strutture scolastiche e la conseguente chiusura del mercato alle imprese specializzate in questo tipo di attività.
    Secondo le sigle associative, che hanno inviato una lettera con richiesta di incontro al Ministro, se fosse confermata e messa in pratica la proposta lanciata si produrrebbero effetti esattamente opposti a quelli desiderati con aumento dei costi e peggioramento delle condizioni di igiene per le scuole.
    La proposta del Ministro appare quanto mai anacronistica e poco adatta allo scopo di riduzione della spesa pubblica da più parti sbandierato: negli ultimi 8 anni, a fronte della progressiva diminuzione dei bidelli in organico di circa 45.000 unità e vista la necessità di affrontare in una logica professionale il tema della pulizia e dell’igiene nelle scuole di ogni ordine e grado, si è proceduto verso progressive esternalizzazioni dei servizi, con sviluppo di nuova occupazione da parte delle imprese.
    Il sistema delle imprese ha assorbito inoltre 14.000 ex LSU (lavoratori socialmente utili), evitando processi di assunzione diretta da parte dello Stato, con notevoli benefici economici, viste le modalità operative industriali e gli orari di lavoro più compatibili con le esigenze di eseguire i servizi fuori dai normali turni di lavoro del pubblico impiego
    SEGUE

    RispondiElimina
  118. “Occorre migliorare i sistemi di gara”, rileva Claudia Giuliani, Presidente di ANIP FISE, “puntare sulla qualità delle imprese e del servizio, sviluppare i processi di industrializzazione e, se occorre, integrare i bidelli nel sistema operativo delle imprese”.
    Le pulizie rappresentano una attività industriale e professionale che non può più essere pensata come se ancora si lavorasse con la scopa e lo straccio, con spreco di risorse umane e ambientali. Le imprese hanno investito in formazione del personale e in macchinari e attrezzature adeguate: “gli istituti scolastici sono in grado di fare altrettanto con i loro bidelli ?” si chiede Massimo Stronati, Presidente di Federlavoro. E ancora, sottolinea Giuliani, è il Dirigente scolastico che si deve occupare della ottimizzazione del servizio di pulizia e della gestione del personale o è preferibile, dal punto di vista della qualità come dell’economia, che tutto il servizio, compreso il coordinamento, sia svolto da chi è specializzato nell’attività ?
    “Il richiamo fatto dal ministro Gelmini – dice Massimo Stronati, presidente Federlavoro e Servizi Confcooperative – dovrebbe essere propedeutico alla definizione di un piano pluriennale complessivo che, attraverso l’integrazione delle esternalizzazioni e delle situazioni non coperte, porti a un efficiente riorganizzazione del servizio a costi sostenibili, garantendo il mantenimento dei livelli occupazionali, soprattutto in considerazione degli investimenti e della qualificazione raggiunta dalle imprese impegnate nel settore. Sottolineiamo al ministro che rispetto ai ritardati pagamenti, il Miur si era sempre contraddistinto per la regolarità. Oggi, purtroppo, si registrano dei segnali in chiara controtendenza”.
    Occorre poi evitare che in nome di economie solo presunte, non si rinnovino i contratti di appalto, costringendo le imprese a licenziare. Il personale in esubero, osserva Franco Tumino, Presidente ANCST Lega COOP, farebbe pressione per essere assunto dalle scuole dove era già impiegato, determinando una situazione difficilmente governabile e possibili extra costi per lo Stato.



    SALUTI MOCETOR

    RispondiElimina
  119. “Occorre migliorare i sistemi di gara”, rileva Claudia Giuliani, Presidente di ANIP FISE, “puntare sulla qualità delle imprese e del servizio, sviluppare i processi di industrializzazione e, se occorre, integrare i bidelli nel sistema operativo delle imprese”.
    Le pulizie rappresentano una attività industriale e professionale che non può più essere pensata come se ancora si lavorasse con la scopa e lo straccio, con spreco di risorse umane e ambientali. Le imprese hanno investito in formazione del personale e in macchinari e attrezzature adeguate: “gli istituti scolastici sono in grado di fare altrettanto con i loro bidelli ?” si chiede Massimo Stronati, Presidente di Federlavoro. E ancora, sottolinea Giuliani, è il Dirigente scolastico che si deve occupare della ottimizzazione del servizio di pulizia e della gestione del personale o è preferibile, dal punto di vista della qualità come dell’economia, che tutto il servizio, compreso il coordinamento, sia svolto da chi è specializzato nell’attività ?
    “Il richiamo fatto dal ministro Gelmini – dice Massimo Stronati, presidente Federlavoro e Servizi Confcooperative – dovrebbe essere propedeutico alla definizione di un piano pluriennale complessivo che, attraverso l’integrazione delle esternalizzazioni e delle situazioni non coperte, porti a un efficiente riorganizzazione del servizio a costi sostenibili, garantendo il mantenimento dei livelli occupazionali, soprattutto in considerazione degli investimenti e della qualificazione raggiunta dalle imprese impegnate nel settore. Sottolineiamo al ministro che rispetto ai ritardati pagamenti, il Miur si era sempre contraddistinto per la regolarità. Oggi, purtroppo, si registrano dei segnali in chiara controtendenza”.
    Occorre poi evitare che in nome di economie solo presunte, non si rinnovino i contratti di appalto, costringendo le imprese a licenziare. Il personale in esubero, osserva Franco Tumino, Presidente ANCST Lega COOP, farebbe pressione per essere assunto dalle scuole dove era già impiegato, determinando una situazione difficilmente governabile e possibili extra costi per lo Stato.

    RispondiElimina
  120. Mocetor c'e' un altro doc importante ma mi sono registrato e non riesco ad aprirlo!!!
    Appalti servizi scolastici ex LSU - lettera a firma congiunta a Sottosegretario Letta (Doc)

    RispondiElimina
  121. infatti mi sono registrato anch'io ma no mi fa entrare per quel doc come mai?

    RispondiElimina
  122. Sul piede di guerra i circa 15mila LSU (700 in Provincia di cui circa 500 nel comprensorio altojonio-sibaritide-pollino) che, alle dipendenze dei consorzi di servizi, provvedono alla pulizia degli edifici scolastici e che da un momento all’altro potrebbero trovarsi sul lastrico perché il Governo, rimangiandosi gli impegni assunti, non ha previsto la copertura economica. Tanto è vero che, secondo quanto rivelano fonti sindacali, alcune cooperative di servizio avrebbero già inviato ai lavoratori il preavviso di mobilità che, come è noto, è l’anticamera del licenziamento. Licenziamento collettivo dunque che scatterebbe dal I° gennaio 2010 se il Governo nel frattempo non avrà riveduto la questione.

    E tutto questo anche perché, sempre secondo informazioni sindacali, il Ministro Gelmini, nel corso di un’audizione presso la Commissione-Bilancio della Camera, avrebbe sostenuto la non inutilità di questi lavoratori “determinando – così si legge nella nota sindacale congiunta – un forte risentimento ed una situazione di grave allarme sociale, in ragione del quale le scriventi OO.SS., unitamente ad una delegazione dei lavoratori, chiedono un incontro urgente, preoccupati per le conseguenze anche sull’ordine pubblico che ne potrebbero derivare”. Incontro che, a stretto giro di posta, il Prefetto ha già fissato per il 27 ottobre prossimo.

    Questo in estrema sintesi il contenuto di un messaggio sindacale, sottoscritto dai segretari generali Filcams-Cgil Vincenzo Laurito (Castrovillari) e Maria Bruno (Cosenza) e dal segretario territoriale Uil-Tucs Tonino Verrino, hanno fatto pervenire al prefetto di Cosenza Melchiorre Fallica a cui hanno chiesto un incontro urgente per manifestare, così si legge nella nota: «la propria preoccupazione per la grave situazione di rischio per i lavoratori e per la grave ricaduta sociale che si potrebbe determinare in un territorio socialmente ed economicamente già debole…».

    Da precisare che, prima ancora di scrivere al Prefetto, le segreterie nazionali delle stesse OO.SS. avevano scritto una lettera al Ministro Gelmini, al capo dipartimento del Miur ed al direttore generale del personale scolastico, nella quale, dopo aver ribadito la disponibilità ad intese condivise finalizzate alla razionalizzazione e l’ottimizzazione dei servizi e preso atto dell’assenza di comunicazioni coerenti con gli impegni assunti, chiedono un incontro urgente e chiarificatore, minacciando di effettuare una manifestazione di protesta presso la sede del Miur, già programmata per il 9 novembre prossimo.

    RispondiElimina
  123. www.scuolanazionaleservizi.it

    RispondiElimina
  124. La Gelmini vuole salvare i bidelli e azzerare i servizi di pulizia?




    Il ministro Gelmini è ritornato sul tema dei bidelli, intervenendo al convegno promosso da Iniziativa Subalpina a Stresa, ma precisando meglio il suo pensiero espresso in Parlamento durante l'audizione del 7 ottobre scorso.

    In Commissione cultura il ministro aveva dichiarato di essere "contraria al fatto che i bidelli non puliscano le scuole e si appaltino le pulizie all'esterno. È uno spreco di risorse pubbliche. Abbiamo un sistema d'istruzione nel quale vanno individuati gli sprechi e le sacche di inefficienza".

    A Stresa la Gelmini è tornata sull'argomento, precisando che si potrebbero risparmiare risorse pari a 1,5 miliardi di euro "solo facendo tornare i bidelli a pulire le scuole".

    Ciò fa intendere che le economie a cui pensa il ministro potrebbero venire dalla rinuncia ai servizi esterni. L'esternalizzazione dei servizi di pulizia è un'eredità che lo Stato ha ricevuto dai Comuni circa dieci anni fa quando vi fu la statalizzazione dei bidelli comunali.

    Ma non ci sono soltanto i servizi di pulizia esterni che fanno oggi "concorrenza" ai bidelli. Nelle zone meridionali ci sono anche i lavoratori socialmente utili (LSU) utilizzati nelle scuole.

    Per il ministro il problema non è soltanto di quante sono le risorse, ma anche di come si spendono.

    Ed è andato oltre il problema dei bidelli (i cui organici comunque sono stati ridotti). "Avrei potuto reclamare con il ministro Tremonti ma non l'ho mai fatto perché il problema non è solo quanto si spende, ma come si spende e se oggi esiste un gap nella scuola e nell'università e perché quelle risorse, 43 miliardi di euro che non mi sembrano poca cosa, non sono spese bene".

    Chi ne farà le spese: i bidelli, le società di pulizia o gli LSU?


    --------------------------------------------------------------------------------
    tuttoscuola.com lunedì 26 ottobre 2009

    RispondiElimina
  125. Perchè non dite pure che è una vergogna che gli ex lsu devono fare meno di 100 mq di pulizie ad ora, quando gli altri addetti alle pulizie ne fanno 250 in ora???? Quante di loro fanno realmente 07 ore di lavoro al giorno?? Ciao

    RispondiElimina
  126. se tu ti fai sfruttare non ti ribelli di chi è la colpa è forse nostra ex lsu ata
    o è tua dal momento che tu hai gli stessi contratti nostri non credi che tu dal momento he ti abassi i pantaloni se tu che lo vuoi prova aribellarti e vedrai che forse andrete tutti maglio invece di ababssare il capo amico o amica che per paura non ti firmi ciao billyloia

    RispondiElimina
  127. mi fatte capire fino a quando hanno stanziato i soldi???

    RispondiElimina
  128. X l'anonimo delle 14,40
    i soldi per noi nn sono stati ancora stanziati.
    C'è solo una previsione di spesa sino ad oggi nn quantificabile.
    Mi faresti poi il piacere di firmarti? così almeno sapremo con chi abbiamo l'onore di parlare.
    Una buona domenica a tutti

    RispondiElimina
  129. da fonti sindacali:copertura finanziaria sino al 31 01 2010,ulteriore proroga sino al 31 12 2010 per poterci fregare meglio.Il governo vuole l'aumento del metraggio alle stesse condizioni economiche,le ditte con i confederali insistono per le 40 ore e per un sostanziale aumento di risorse.Credo che raggiungeranno l'accordo e noi come al solito saremmo costretti a subire.Non riusciamo a uscire da questa assurda situazioe solo perche' ancora oggi molti di noi accettano il tutto senza battere ciglio.Spero che le cose cambino,che coloro che sono al governo si decidano a rivedere la nostra situazione. un ex lsu deluso

    RispondiElimina
  130. Ciao a tutti colleghi/e , sono Tom dalla prov. di Bari. E' tanto che non posto un commento ma onestamente ogni giorno lo visito ma aime' con tutta franchezza e sincerita' mi duole leggere alcuni post di colleghi che incidono sopratutto alla non giusta causa, ma innanzitutto cercano di creare disagi e cattive informazioni in merito alla nostra situazione attuale.Volevo solo inviarvi alcune frasi con l'agurio che voi possiate riflettere su di esse e trarne alcune idee.""" NON POSSIAMO OTTENERE I NOSTRI DIRITTI OGNI QUAL VOLTA LE LEGGI PERMETTONO , CHE IN ALCUNI EVENTI , L'ESSERE UMANO CESSI DI ESSERE PERSONA E DIVENTI COSA """ Auspico felice sereno provvido anno nuovo per voi tutti e famiglia ...CIAO da TOM

    RispondiElimina
  131. C’era una volta un Principe, C’era una volta una Principessa, C’era una volta un Regno, ect.. cosi incominciano le favole. Un giorno quando sarò vecchio e dovrei raccontare ai miei nipotini delle favole incomincerei cosi: - C’era una volta la Sinistra e i Sindacati che difendevano gli indifesi lavoratori, (chiamati proletari parola in disuso ai nostri giorni), dall’ingordigia della borghesia, ect.. Morale della favola, la Sinistra e i Sindacati sono veramente esistiti, o appartengono alla fantasia come tutte le favole. Or mai siete un ricordo lontano e appartenere alla fantasia come le favole incantate di un regno incantato dove i deboli erano difesi dai buoni d’animo. Per favore cercate di sparire, dalla realtà dei lavoratori, siete ancora in tempo per essere dei buoni ricordi del nostro passato. Continuando cosi distruggete tutto quello che avete fatto e neanche nei ricordi sarete ricordati Ciao a tutti
    Anonimo Siciliano

    RispondiElimina
  132. io sono daccordo di siegarci meglio facendo un servizio con striscia la notizia come è già stato proposto da un nostro collega

    RispondiElimina
  133. dai chi ha il coraggio io sono daccordo è una buona idea, bravo anonimo collega

    RispondiElimina
  134. prima di tutto volevo fare i miei complimenti a mimmo per il suo articolo su LA CONOSCENZA RENDE LIBERI lo approvo a pieni voti bravo MIMMO, per quanto riguarda al collega che dice di chiamare striscia e stato già fatto in passato con risultato NEGATIVO secondo me la strada giusta e quella di fare riunioni nelle varie regioni volevo approffittarne per ringraziare MIMMO E STELLA Ealtri colleghi per il suo inpegno di organizzare riunioni in tutte le regioni continuando su questa strada vedrete che prima o poi qualcuno si accorgera di noi EX LSU ATA.

    RispondiElimina
  135. Complimenti a Mimmo il tuo articolo è impeccabile, rispecchia fedelmente il nostro passato, presente e ci da forza di lottare per la nostra giusta causa invito i colleghi a leggerlo con attenzione!
    saluti

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget