24 maggio 2011

LETTERA APERTA AL DIRETTORE DI LA7 ENRICO MENTANA

Caro Direttore, Gli addetti alle pulizie (esternalizzati) della scuola, aspettavano con ansia l’appuntamento col vostro programma “coffee break” del 23 c.m.. Era giunto il momento che finalmente qualcuno avrebbe parlato della loro disperazione di padri e madri di famiglia. Si sarebbe rotto finalmente quel silenzio che da troppi anni aleggiava intorno a questa bistrattata categoria, che è ostaggio di uno sfruttamento illegale, perpetrato da faccendieri collusi con la politica di questo Paese, che protegge i malfattori e schiaccia i deboli. Le riprese erano state fatte, le interviste pure, non restava che attendere il fatidico momento della messa in onda. Ma, questo momento tanto atteso per loro, man mano che il programma scorreva, si trasformava in un’amara delusione. A nulla era servita l’azione di 200 lavoratori disperati che una decina di giorni prima, avevano puntato tutto sulla vostra emittente, perché ritenuta (forse a torto) una tv trasparente, libera. Cosi 50 di loro arrischiavano un’occupazione pacifica degli studi, con il solo obiettivo di chiedere a Lei personalmente di occuparsi di loro e quando infine vennero ricevuti dai suoi due vice Direttori, consegnavano loro un’ampia documentazione, tra cui il “Libro Bianco” scritto dagli stessi EX LSU ATA, in collaborazione col sindacato di base USB, che descrive molto chiaramente tutte le incongruenze degli appalti nelle scuole e soprattutto, evidenzia gli sprechi. In sostanza, la vostra trasmissione ha detto l’esatto contrario di quello che i lavoratori volevano dire, dando ampio spazio ai Sindacati Confederali, strenui difensori delle Cooperative e complici di una vergognosa estorsione a danno di questi lavoratori, praticata attraverso una illecita intermediazione di manodopera. Avete volutamente censurato parte delle interviste fatte agli Ex Lsu e alla coordinatrice nazionale dell’USB, Carmela Bonvino, in particolare quelle che denunciavano i problemi più scottanti e mettevano a nudo tutti quegli aspetti che se resi pubblici, potevano nuocere alle lobby di potere. Avete manipolato l’informazione, facendo sembrare che anche il Sindacato di Base sostenesse il lavoro in cooperativa!! In cuor suo, caro Direttore, sa che le cose non stanno in questi termini. Come avrà potuto notare dalle interviste tagliate, l’Unione Sindacale di Base chiede da anni l’estromissione delle cooperative dalla Scuola, perché sarebbe un beneficio per il MIUR (risparmio di 74 milioni annui) ma anche per i lavoratori, che avrebbero finalmente un salario più decente, mentre gli altri Sindacati si guardano bene dal farlo, perché sarebbe lesivo per i loro interessi e quelli dei loro amici. Forse a Lei tutto questo non interessa, è troppo preoccupato a non ledere i suoi, di interessi!! Così ha concluso la sua fiaba televisiva, mostrando tutti felici e contenti a festeggiare una proroga che rappresenterà l’ennesima fregatura per i lavoratori!!! P.S. - Se una notte non dovesse riuscire a dormire, per via di qualche rimorso, faccia un’altra bella trasmissione!! Questa volta però, inviti solo quei lavoratori disperati che vennero a trovarla numerosi, nei suoi studi televisivi. Loro sapranno cosa raccontarle, altro che Camusso, Camellini e Pirulli!!! COLLEGHI FATE COPIA E INCOLLA, FIRMATELA ED INVIALA A MEZZO FAX ALLA TV LA7 Fax TV LA7: 06 35584257 / 06 35584894

21 commenti:

  1. Colleghi vi invito a copiare questa lettera scritta da Mimmo e ad inviarla a Enrico Mentana e a tutte le testate giornalistiche possibili....grazie.

    RispondiElimina
  2. email: la7@la7.tv

    programmi@la7.it

    RispondiElimina
  3. ma non funziona??

    RispondiElimina
  4. Voglio chiarire che io non ho mai detto che luglio e agosto verremo licenziati....anche perchè il ritiro della direttiva 103 con proroga fino a gara consip è stato barattato anche con il ritiro dei licenziamenti delle aziende che di fatto è avvenuto.
    Ho semplicemente detto che luglio e agosto rimangono un incognita a livello retributivo (potrebbero anche valutare due mesi di cassa integrazione, questo si saprà il 7 giugno).

    Al collega Benedetto di Casoria che sicuramente ho conosciuto per telefono invece riferisco che sta storia del mare e dei suoi colleghi io non la conosco e che neanche conosco chi lo accusa sul blog per, eventualmente, portarlo a lui.

    FIRMATE STI CAVOLI DI COMMENTI

    RispondiElimina
  5. due mesi di cassa integrazione, rimanendo con le ditte?

    RispondiElimina
  6. SI CONTINUA A GIOCARE SULLA
    PELLE DEGLI EX LSU ATA!

    Carissimi colleghi altro rinvio a breve dell’incontro e ancora una volta nessun verbale.

    SITUAZIONE CRITICA PER GLI EX LSU ATA…CONFERMATI I TAGLI!!

    Sono curioso di sapere cosa racconteranno Cgil-Cisl-Uil stavolta ai lavoratori avendo cantato vittoria il 18 maggio.

    Il Miur propone 380 milioni che equivarrebbe ad un abbattimento del 40% che consisterebbe in una decurtazione di ore di 13,4 sul nostro monte ore (si lavorerebbe in pratica 22,60 e non più 36 e 37 ore).

    Il ministero del lavoro offre 64 milioni di euro per coprire i primi sei mesi di cassa integrazione ma non da garanzie future.

    Di conseguenza i Consorzi lanciano 3 soluzioni di richiesta di finanziamento che comunque prevedono tagli del monte ore ai lavoratori ex LSU!!!

    Il personale prepensionabile secondo le stime del MIUR è di 945 lavoratori, noi crediamo invece che siano molti di più, perché il MIUR si basa solo sulla fascia di età e non ha individuato situazioni di lavoratori che pur essendo più giovani manchi comunque poco alla pensione.

    CARI COLLEGHI PER GARANTIRE GLI UTILI DELLE AZIENDE CI FARANNO FARE LA FAME E QUESTO CON LA SOLITA COMPLICITA’ DEI SINDACATI CONFEDERALI!!

    FACCIAMO APPELLO A TUTTI GLI EX LSU

    MOBILITIAMOCI CON AZIONI DI PROTESTA
    DA SUBITO E GIORNO 22 GIUGNO SCIOPERO NAZIONALE…..BLOCCHIAMO GLI ESAMI NELLE SCUOLE TUTTI INSIEME PER CHIEDERE LA VERA SOLUZIONE, L’ASSUNZIONE ATA SUI POSTI ACCANTONATI.

    saluti

    RispondiElimina
  7. ciao maurizio sono un xlsu di colliano provincia di salerno. ci siamo conosciuti a campagna. io per motivi di salute non ho avuto contatto piu con nessuno, ho letto dei ragazzi di bari volevo sapere quali documenti servono per fare questo ricorso.
    grazie per la tua cortese attenzione.
    ti saluto cordialmente.... antonio

    RispondiElimina
  8. X Antonio di colliano

    bisogna parlarne telefonicamente se non hai il mio numero mandami il tuo per email o mettiti in contatto con Cosimo A.

    ciao

    RispondiElimina
  9. Una famiglia marito,moglie ,figlio,con 900 euro al mese, dormendo sotto ai ponti -si vivacchia- se poi si paga un fitto- non si mangia-i lor signori ci vogliono portare a 3.5 ore retributive ,e noi stiamo a guardare? "morte mia morte sua"

    RispondiElimina
  10. Maurizio e Mimmo14/06/11, 10:00

    La riunione è finita adesso...

    anno 2011: 65 giorni di cassa integrazione a zero ore.

    anno 2012: 87 giorni di cassa integrazione a zero + riduzione di 4 ore settimanali.

    Copertura di ammortizzatori sociali certa solo per un anno.

    PREPENSIONAMENTI:

    ANNO 2011:945 lavoratori in prepensionamento

    ANNO 2012:470 lavoratori in prepensionamento

    Tutto questo nonostante il MIUR sia passato da un'iniziale proposta di finanziamento di 380 milioni a una definitiva proposta finale di finanziamento di 390 milioni.

    USB SI E' RIFIUTATA DI FIRMARE UN ACCORDO DEL GENERE.....

    I CONFEDERALI, CONSORZI,MIUR INVECE HANNO FIRMATO....INDEGNI!!!

    RispondiElimina
  11. Salve qualcuno mi può spiegare cosa vuol dire zero ore ? Non sono efferrato in materia.

    anno 2011: 65 giorni di cassa integrazione a zero ore.

    anno 2012: 87 giorni di cassa integrazione a zero

    RispondiElimina
  12. RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO.
    Lettere dai lettori(Giuseppe ex lsu Calabria)

    Ciao Mimmo ho letto i verbali, che già mi avevi anticipato in modo molto
    chiaro. Mi ha fatto piacere che la Bonvino non abbia firmato, in modo da
    rimarcare di non voler scendere a compromessi con chi ci vuol lentamente far
    precipitare nel baratro della disoccupazione che ci toglierà la dignità
    lavorativa e di conseguenza, di uomo. Di fatto, ci stanno togliendo
    tirannicamente un diritto acquisito nel tempo, per risparmiare e far quadrare i
    bilanci che loro (i politici) sistematicamente alleggeriscono a suon di
    milioni con truffe e ruberie di ogni tipo, comprese le disgrazie ( vedi
    terremoto) ed ora hanno approfittato anche della nostra posizione lavorativa (per loro non stabilizzata).
    Arrivati a questo punto diamogli filo da torcere creando più disagi possibili
    con azioni di lotta appropriate, territoriali o nazionali.
    Per quanto riguarda il blog è inutile cercare di spiegare o confrontarsi;
    secondo me, dopo aver esposto i verbali del 14, dovrebbe essere solo il mezzo
    per comunicare ciò che l'usb intende fare e sensibilizzare gli indecisi che non
    è piu' tempo di attesa ma del fare.

    RispondiElimina
  13. Io ho il forte sospetto che i delegati sindacali cgil e cisl dicono di non preoccuparci perchè si sono accordati con le aziende e loro non faranno la cassa integrazione così aiutano i Consorzi e il Miur a far passare l'accordo.
    E che diamine disdettiamogli almeno le tessere sindacali e denunciamo al ministero e alla procura della repubblica se si verificherà questa ingiustizia.

    RispondiElimina
  14. X TUTTI I COLLEGHI

    Non firmiamo alcuna cassa integrazione, le ditte vi faranno firmare per ricevuta la comunicazione di sospensione lavorativa e di collocazione in cassa integrazione a zero ore dal 01-07-2011 al 03-09-2011 raccomandando i lavoratori di presentarsi entro 48 ore dall'inizio della cassa (anche se i tempi non credo siano sufficienti non essendoci ancora stata la riunione al Ministero del Lavoro) presso l'ufficio dell'impiego (collocamento) per dare la disponibilità ai corsi di riqualificazione professionale obbligatori pena la non erogazione della cassa integrazione. Altre ditte invece stanno facendo firmare direttamente il modello INPS per la disponibilità ai corsi della comunità europea.

    Voglio dichiararmi daccordo con quanto detto dal collega G.R. Calabria...pensiamo ad attivarci che è meglio!!!

    RispondiElimina
  15. IL VIDEO FATTO DAL COMPAGNO MARCO ZEFFIRELLI - SCIOPERO DEGLI EX LSU ATA DEL 22 GIUGNO A MONTECITORIO‏


    http://www.youtube.com/watch?v=a08I1_cLaLI&feature=youtu.be

    RispondiElimina
  16. Indennità di malattia e cassa integrazione
    In periodo di ricorso frequente agli strumenti di integrazione salariale ordinaria e straordinaria, oltre che in deroga, l'Inps provvede a fornire utili precisazioni in ordine ai casi che si possono verificare di concorso tra periodi di malattia e interventi di ammortizzatori sociali.
    Con circolare numero 82, del 16 giugno 2009, l'istituto previdenziale ripercorre il proprio orientamento amministrativo aggiustandolo alla luce dei provvedimenti più recenti.
    L'Inps conferma che la cassa integrazione straordinaria sostituisce l'indennità giornaliera di malattia e, in caso di insorgenza dello stato patologico del lavoratore durante il periodo di sospensione dal lavoro, lo stesso lavoratore non avrà alcun onere di comunicare la malattia continuando a percepire le integrazioni salariali.
    Diverso, invece, il caso in cui il lavoratore si trovi in malattia in epoca antecedente all'inizio della sospensione dell'attività lavorativa; si potranno verificare due situazioni: la sospensione dal lavoro di tutto il personale dell'ufficio, reparto o squadra cui appartiene lo stesso lavoratore comporta l'ingresso in cassa integrazione anche del lavoratore in malattia, viceversa, nell'ipotesi di non integrale sospensione di tutto il personale, il lavoratore in malattia continuerà a beneficiare della relativa indennità.
    Lo stesso criterio, e questa risulta la novità di maggior rilievo esposta nella circolare in commento, si applicherà anche nel caso di ricorso alla cassa integrazione ordinaria.
    Da ultimo si segnala il messaggio numero 13552, del 12 giugno 2009, diramato dalla stessa Inps con cui si comunica che per i lavoratori retribuiti in misura fissa mensile, le festività civili e religiose non comportano una riduzione della misura settimanale delle integrazioni salariali.

    Normativa di riferimento
    • Circolare numero 82 del 16 giugno 2009 dell'INPS

    RispondiElimina
  17. COLLEGHI MA SMETTIAMOLA UN POCO E CHE CAVOLO
    CONCENTRIAMOCI SULLO SCIOPERO, ALLA CATEGORIA NON SERVONO I COMMENTI SUL BLOG MA AZIONI A TENTARE DI OSTACOLARE CHI CON DECISIONI DI INTERESSE SINDACALE E POLITICO TUTELA LE LOBBY A DISCAPITO DEI LAVORATORI.

    VI ASPETTIAMO IL 6 LUGLIO A ROMA A GRIDARE IL NOSTRO DISSENSO ALLA CASSA INTEGRAZIONE...BENEDETTO ASPETTO ANCHE TE PERCHE' TU SARAI ANCHE PROSSIMO ALLA PENSIONE MA LA CASSA INTEGRAZIONE TE LA SEI BECCATA ANCHE TU!!

    RispondiElimina
  18. Ancora una volta oggi a Roma abbiamo fatto la nostra parte...avendo subito l'ennesimo rinvio della riunione al Ministero del Lavoro abbiamo attuato azioni prima su Roma Termini e successivamente in via Fornovo che hanno letteralmente destabilizzato le forze dell'ordine che alla fine esauste ci hanno fatto da interlucuzione con il Ministero del lavoro garantendoci l'incontro.

    Ci sono stati momenti di forte tensione,e tafferugli ma siamo riusciti a sfondare numerose volte gli sbarramenti della polizia creando IL CAOS A ROMA nei pressi della Stazione Termini.
    Due donne sono rimaste contuse fra gli ex lsu.
    Alla fine degli scontri raggiunto l'accordo ci hanno fatti salire su 6 pulman di linea e scortati fino al Ministero.

    Prima di salire in riunione mentre presidiavamo il Ministero in attesa di salire ci siamo visti comparire d'innanzi il dott. Pinneri e il dott. Filisetti del MIUR che con aria pacata e tranquilla, conclusa la riunione con le regioni si avviavano verso la loro auto.
    Dopo alcune nostre domande e qualche sorrisetto di troppo di Filisetti.... all'affermazione di Pinneri che ci riferiva che i soldi di giugno erano stati da poco versati (questo provocherà presumiamo ennesimi ritardi di pagamento da parte delle aziende ) E' SCATTATO UN TENTATIVO DI LINCIAGGIO DA PARTE DEGLI EX LSU CHE ACCERCHIATA L'AUTO, CON PUGNI E CALCI HANNO CREATO NON POCHI PROBLEMI AI DUE SPROVVEDUTI. SOLO IL MASSICCIO INTERVENTO DELLA POLIZIA IN ASSETTO ANTISOMMOSSA HA PERMESSO AI DUE DI ALLONTANARSI DAL MINISTERO INCOLUMI.

    All'incontro al Ministero con il funzionario Cipriani abbiamo nuovamente manifestato il nostro dissenso all'accordo del 14 giugno minacciando reazioni all'apertura delle scuole ma abbiamo anche preteso che si assumano la responsabilità di non rimanere i lavoratori senza stipendio nel periodo di luglio e agosto.
    Il dott. Cipriani a riguardo ci riferisce che a suo parere l'INPS non provocherà eccessivi ritardi di pagamento.
    Abbiamo inoltre chiesto garanzie per quei lavoratori con invalidità sul lavoro chiedendo di portare anche tale argomento sul tavolo della successiva riunione prevista per il 12 luglio.
    GLI ABBIAMO POI FATTO NOTARE CHE LA CASSA INTEGRAZIONE E IL FINANZIAMENTO STANZIATO ALLA FINE COSTA SEMPRE PIU' DELL'INTERNALIZZAZIONE DEL SERVIZIO CON L' ASSUNZIONE ATA DEGLI EX LSU.

    PROSSIMA RIUNIONE 12 LUGLIO.

    http://www.contropiano.org/it/news-politica/item/2358-roma-centinaia-di-lavoratori-ex-lsu-ata-stanno-bloccando-i-dintorni-della-stazione-termini

    http://www.libero-news.it/articolo.jsp?id=778984

    http://www.paesesera.it/Cronaca/Scuola-tensione-al-corteo-dei-lavoratori-ex-Lsu-Ata

    http://www.zazoom.it/blog_rsc/post.asp?id=1297

    http://ufficiostampa.usb.it/index.php?id=20&tx_ttnews[tt_news]=31149&cHash=33900ef39d&MP=63-607&MP=63-618

    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_luglio_7/sindacati-scuola-manifestano-termini-1901039530621.shtml

    http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20110707-scuola-tensione-a-roma-al-corteo-degli-ex-lsu-ata

    http://www.dazebaonews.it/economia/item/4443-scuola-tensione-a-roma-al-corteo-degli-ex-lsu-ata-lavoratori-bloccati-da-agenti-antisommossa

    http://www.radiocittaperta.it/index.php?option=com_content&task=view&id=6808&Itemid=9

    http://taggatore.com/articolo/roma-scuola-ex-lsu-ata-presidiano-ministero-del-lavoro

    http://www.cinquegiorni.it/news.asp?id=3332#

    http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/11_luglio_7/sindacati-scuola-manifestano-termini-1901039530621.shtml

    RispondiElimina
  19. G.R.Calabria08/07/11, 08:37

    penso che dietro al pc oltre a una nutrita parte di persone per bene che vuole difendere il suo posto di lavoro ci sia anche una buona parte di pscopatici che il loro cervello l'hanno usato per fare le polpettine e mangiarselo,a queste persone ipocrite che prima di scrivere ''diteci cosa dobbiamo fare ,diteci dove dobbiamo venire ecc ecc e poi non si vedono gli posso dire che questa volta gli e andata malissimo perche l'imponente manifestazione c'e stata con tanto di scontri e tafferugli e cariche della p.s. e con tanto di aver fatto cagare sotto felisetti come pure l'incontro e chi scive le cazzate che non e vero niente doveva solo alzare il culo dalla sedia e venire a vedere non come stronzi stare seduti e fare commenti solo di provocazione ma che ormai non hanno piu nessun valore.Ha dimenticavo benedetto avevo voglia di conoscerti ma forse con tutte quelle persone non ci sono riuscito va be sara la prossima vota????????

    RispondiElimina
  20. Maltese Maria Lucia12/03/12, 13:17

    Home » Co.Co. Co scuola.Si attende la stabilizzazione e lo sblocco di questa situazione anomala che si protrae da piu' di 20 anni
    Co.Co. Co scuola.Si attende la stabilizzazione e lo sblocco di questa situazione anomala che si protrae da piu' di 20 anni
    ads

    Maltese Maria Lucia e i cococo scuola - Egregio Ministro Profumo tutti i Co.Co.Co. hanno intrapreso un'azione giudiziaria per il riconoscimento del servizio e previdenziale, con documentazione che prova il lavoro di subordinazione, scaturendo un contenzioso al fine di sbloccare questa situazione anomala, che va avanti da anni. Sono state avviate anche denunce agli Ispettorati del Lavoro per tutelare questa categoria sfortunata.
    Ci sono tanti motivi che spingono in questa direzione ma ne cito solo alcuni:

    1) Perché in 11 anni non si è fatto un passo in avanti;

    2) Perchè l'OSTACOLO alla nostra stabilizzazione c'è stato - c'è e ci sarà anche domani ed il nostro ostacolo è sempre lo stesso le OO.SS. scuola a cui le OO. SS. di categoria ed il ministero si piegano;

    3) Perchè sono 10 anni in più di età anagrafica rispetto al 2001 e tutti abbiamo una famiglia, dei figli e tutti i problemi con essa connessi;

    4) Perchè il nostro futuro prossimo è la pensione nell'ambito di una prospettiva < 10 - 15 - 20 anni > ed il nostro status pensionistico non è dei migliori;

    5) Perchè le OO.SS. hanno distrutto la coesione della categoria creando nel contesto ed a loro interno dei personaggi sentinella predisposti a rispondere ai comandi impartiti da cui scaturiscono poi scelte opportunistiche,
    individualiste e settarie creando sempre più divisione fra colleghi, loro vivono e crescono e sopravvivono proprio in funzione della profonda divisione creata;

    6) Perchè le loro scelte hanno distolto l'attenzione sul vero problema "la stabilizzazione";

    7) Perchè occorre uno strumento nuovo, uno stimolo nuovo per una nuova coesione della categoria per lottare insieme ad un obiettivo comune, occorre un quoziente di maturità individuale appropriato al problema;

    8) Perchè un'azione generale, non circoscritta a pochi, produce un diverso impatto sul nostro interlocutore MPI e sul soggetto preposto alla trattativa l'OO.SS. Si fa tutto questo per noi stessi, per la propria dignità di uomini, di donne, di padri e madri di famiglia, per la dignità di lavoratori nell'ambito di uno stato di diritto del lavoro tipico di un ordinamento democratico e di una società civile ed occidentale. Si fa per uscire da uno schiavismo - ingiusto - a cui soggetti politici e istituzionali ci hanno per molti, troppi, anni relegato.
    Lun, 12/03/2012 - 06:42

    RispondiElimina
  21. AMICI, DONATO, UN NOSTRO COLLEGA HA BISOGNO DEL NOSTRO AIUTO, INFATTI DEVE SOTTOPORSI AD UN DELICATO E PURTROPPO ONEROSO INTERVENTO CHIRURGICO, E VISTO CHE COME LA MAGGIOR PARTE DI NOI NON VERSA IN FLORIDE CONDIZIONI ECONOMICHE CHIEDO LA VOSTRA SOLIDARIETA^ VERSANDO UN CONTRIBUTO SUL NUMERO DI POSTEPAY QUI SOTTO RIPORTATO.
    LA CARTA PUO^ ESSERE RICARICATA OLTRE CHE PRESSO GLI UFFICI POSTALI ANCHE PRESSO I CENTRI DELLA LOTTOMATICA.
    GRAZIE DI CUORE A TUTTI DA ARTURO SA
    4023 6006 0781 6800

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget