29 luglio 2015

REPORT DI CARMELA BONVINO - USB INCONTRO DEL 29-07-2015 PRESSO IL MIUR DI ROMA

Carissimi, come annunciato ieri abbiamo avuto l'incontro con il Dott. Greco Direttore generale per le risorse umane , acquisti e affari generali del Miur fissato giovedì scorso in occasione dei presidi che abbiamo tenuto. 
Nell'incontro abbiamo innanzitutto chiesto aggiornamenti circa la questione del reperimento delle risorse per la continuazione dei lavori di decoro scuole per il secondo semestre 20015 e fino a marzo 2016 rispetto alla quale si determinerà anche la questione salari luglio e agosto. 
Il Direttore Generale ci ha confermato che il Governo sta lavorando per far sì che le risorse per il decoro seconda rata 2015 e fino a marzo 2016 vengano effettivamente appostate nel bilancio MIUR e quindi a stretto giro riassegnate alle istituzioni scolastiche e che, a suo avviso, il fatto che è stato convocato l'incontro a Palazzo Chigi è da ritenere che domani verrà confermato ufficialmente questo e che verrà chiesto alle aziende appaltatrici di rispettare di conseguenza gli accordi e retribuire regolarmente la mensilità di luglio (eventualmente sostituendo la sospensione con ferie forzate e banca ore). E che in ogni caso confermare in sede di incontro la volontà del Governo completare il progetto scuole belle fino a marzo. 
Su questo punto ovviamente ci toccherà aspettare domani per sapere se ci sarà questa conferma oppure le aziende terranno il punto sulla richiesta di cassa in deroga....cosa che ritengo difficilmente ci sarà. In ogni caso emerge che le opzioni sono due o revocano le sospensioni perchè il governo si impegna sui fondi e pagano le mensilità anche se non si lavora (scalando eventualmente ferie e incrementando banca ore) o - se questo non avverrà ma sembrano ormai tutti escludere che ce ne sarà bisogno- viene concessa cassa (della quale ad oggi non si può sapere il per quanto), comunque hanno interesse a mantenere un minimo di continuità di reddito per non perdere la faccia.
Abbiamo quindi evidenziato che sia in una ipotesi che nell'altra ( che in ogni caso non garantisce che i lavoratori abbiano effettivamente i soldi a luglio....visti i normali ritardi) rimangono tutti aperti i problemi generali e più gravi:

1. che succede a marzo ?
2. come si garantisce che l'afflusso delle risorse alle aziende per i lavori di decoro si traduca veramente in garanzia di mantenimento del reddito ?
(abbiamo illustrato con numerosi esempi quanto sta accadendo su rinunce orarie e banche ore strabordanti o scalate a rate dai salari) visto che questo non è stato comunque garantito in questo anno e mezzo? e i soldi sono stati spesi a tutto vantaggio delle aziende che continuano di contro nelle pratiche vessatorie, non pagano, pagano male e traggono il massimo del profitto a discapito dei lavoratori ma anche del servizio.

La USB ha evidenziato che con la distribuzione dei cantieri di manutenzione e l'utilizzo strumentale degli accordi di flessibilità si rende invivibile la condizione di quanti lavorano e questo fermo estivo rischia di essere uno speco di tempo aggravando la confusione da settembre quando riprenderanno sia le attività di pulizia che di decoro.
Abbiamo quindi detto che a nostro avviso l’assunzione ata è la vera e unica soluzione a questo impiccio che hanno fatto dal 2001 ad oggi e abbiamo sollecitato interventi e maggiori controlli per sanzionare i comportamenti illegittimi delle aziende e sbloccare le situazioni tipo lotto Benevento o lotto Latina Frosinone.
Si è richiesto poi un confronto più costante con il Miur e chiesto di portare nell'incontro del 30 p.v. la nostra richiesta di vera stabilizzazione, con le nostre proposte in merito all'assunzione ata, maggiori controlli e sanzioni alle aziende che vessano i lavoratori o non sono in regola, la necessità che i finanziamenti pubblici siano utilizzati per dare vera qualità al servizio, vera stabilità agli addetti e non subordinati alle esigenze e al profitto delle aziende.
Infine si è chiesto aggiornamenti rispetto al futuro dei Cococo ex-lsu che saranno prorogati come di abitudine il prossimo anno e rispetto ai quali, ci è stato detto, verranno emesse apposite e tempestive disposizioni ai dirigenti scolastici per evitare sospensioni o proroghe di pochi mesi
Il Direttore generale ha assunto l'impegno a continuare il confronto sulle tematiche gestionali e a rincontrarci, auspicando che a breve termine vengano loro fornite anche a loro dalla " politica" indicazioni sul dopo marzo 2016.
Questo è quanto.....ora tocca attendere l' incontro a Palazzo Chigi, poi vi aggiorneremo dandovi un primo commento e maggiori indicazioni nel merito a seconda di quello che verrà deciso dal Governo e di conseguenza dai Consorzi o dal Ministero del Lavoro.

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget